#Anci2021

Più coesione per vincere la sfida del Pnrr. Ma servono pari opportunità e un crono programma chiaro

PARMA – La coesione territoriale? Uno snodo cruciale per vincere la sfida del Pnrr. Ma servono parità i opportunità per i vari territori, infrastrutture sociali e materiali e soprattutto sinergia e unità i intenti tra i vari livelli dello Stato. Ne sono convinti i sindaci di Varese, Ferrara, Andria, Potenza e Imperia che hanno animato il secondo dibattito della giornata conclusiva della XXXVIII assemblea annuale Anci che si chiude oggi alla Fiera i Parma.“Folli e sognatori i sindaci”, ha esordito la prima cittadina i Andria Giovanna Bruno ma hanno bisogno i aiuti e regole chiare per operare. “Il mio – ha detto – è un comune in pre dissesto. E attuare il Pnrr da noi è come correre con una gamba sola. Non chiediamo bonus ma opportunità, come è successo per Genova con il pointe Morandi mentre nel mio territorio abbiamo ancora aperta la ferita della tragedia ferroviaria del 2016. E oltre a pari opportunità normative servono vere politiche di genere perché se si accentua ancora questo gap non pagherà solo il Sud ma tutta l’Italia”
E di pari opportunità in un senso più ampio ha parlato anche il sindaco di Varese Davide Galimberti. “ll sindaco Sala – ha ricordato – ha detto che Milano non ha difficoltà a mettere a terra le risorse di cu dispone ma ci sono realtà medie e piccole che queste difficoltà le hanno anche da un punto di vista della quantità delle risorse. Allora serve programmare, adattando le azioni alle varie realtà guardando alle esigenze e alle necessità di tutti”. Altro sindaco del Sud Mario Guarente, primo cittadino di Potenza, Comune uscito da poco dal dissesto. “Stiamo provando a metterci nei giusti binari. A Potenza abbiamo registrato due aspetti positivi della pandemia: una nuova saldatura nei rapporti della comunità e il rinnovato impegno degli amministratori, chiamati come non mai a tutelare le fasce più deboli. Adesso però servono scelte chiare. I giovani dii Andria, Potenza e Milano devono avere le stesse opportunità. Non siamo un Sud che si piange addosso ma dobbiamo essere messi nelle condizioni tutti di cogliere le opportunità che verranno dall’Europa”.E queste opportunità sono in buone mani, secondo il sindaco d Imperia e vicepresidente Anci, Claudio Scajola. “Dobbiamo sfruttare un presidente del Consiglio che è competente e sa decidere. E l’ultima opportunità che ha l’Italia ha. Ma per riuscire a spendere bene le risorse ci vuole coinvolgimento di tutti. E per farlo non c’è altro modo migliore se non attraverso i Comuni. Questa assemblea – ha aggiunto Scajola – si svolge in momento cruciale ma adesso oltre alle idee e proposte serve un crono programma, servono date certe e a breve scadenza”.

Articolo presente in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *