Bianco: “Restituire dignità agli amministratori locali nell’interesse dei cittadini”

GORNATE OLONA – “Abbiamo raccolto con il presidente Decaro l’urlo di dolore che arriva oggi dai piccoli Comuni italiani, i sindaci dei piccoli Comuni chiedono di essere messi nelle condizioni di lavorare meglio, di avere un’indennità che consenta loro di vivere dignitosamente, di avere diritto alla pensione, di avere concretamente l’opportunità di raggiungere gli obiettivi per i quali sono stati eletti, realizzare un programma che non è affidato solo ai funzionari del Comune”. Lo ha sottolineato il presidente del Consiglio nazionale di Anci, Enzo Bianco intervenuto questa mattina all’Assemblea dei piccoli Comuni a Gornate Olona.
Bianco ha posto l’accento sulla reputazione dei sindaci da tutelare: “In molti casi si trovano sulle prime pagine dei giornali per essere stati iscritti nel registro degli indagati ma una volta che la vicenda viene chiarita nessuno lo sa. E la loro reputazione viene colpita. Chiediamo – ha concluso – che ci sia attenzione perché venga tutelato un bene prezioso che è quello della credibilità di chi amministra un piccolo Comune come una grande città”.
Dal canto suo il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana – nel corso del dibattito – ha sottolineato come con il governo si stiano aprendo uno spiraglio sotto il profilo delle risorse e dei finanziamenti per i piccoli Comuni.
“I sindaci lo gridavano da anni ad alta voce che l’austerity rischiava di strozzare l’economia penalizzando il livello dei servizi offerti ai cittadini. Anche se non viviamo ancora una fase ottimale, i provvedimenti adottati dal governo negli ultimi mesi – ha proseguito Fontana – vanno nella giusta direzione e mostrato un importante e rinnovato interesse nei confronti degli locali”. Il riferimento del presidente della Regione Lombardia è andato in particolare allo sblocco degli avanzi di amministrazione “che ha consentito il rilancio degli investimenti da parte dei Comuni che avevano gestito bene nel corso degli anni”.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *