Welfare

Siglato il nuovo accordo quadro per il Progetto “INPS per Tutti” 

Facendo seguito al primo accordo nazionale, della durata di un anno, stipulato nel 2019, il 4 giugno 2021 l’Anci ha sottoscritto un nuovo accordo di collaborazione con INPS, Caritas e, da quest’anno, con la Comunità di Sant’Egidio, per la prosecuzione e la diffusione del Progetto “INPS per Tutti” in tutto il territorio nazionale. Tale accordo è volto a favorire la collaborazione a livello locale tra Comuni, INPS e le associazioni di volontariato come Caritas e Sant’Egidio, al fine di intercettare persone in stato di povertà assoluta, i senza dimora e i cittadini più fragili, spesso non consapevoli dei propri diritti e difficilmente raggiungibili, valutare la sussistenza di requisiti utili al riconoscimento di prestazioni sociali, assistenziali e previdenziali e consentire loro di presentare domanda di accesso.
Nel 2020, l’avvio del Progetto ha coinciso con lo scoppio della pandemia e con la relativa sospensione forzata di molte delle attività previste, che poi sono state rimodulate (si veda in proposito il messaggio INPS n. 4144 del 6 novembre 2020) per garantire la continuità del Progetto in totale sicurezza.
Il nuovo accordo è stato presentato online alle Anci regionali, per opportuna diffusione sul territorio, il 6 luglio 2021, alla presenza del Presidente INPS Tridico, del Delegato al Welfare ANCI Vecchi, del direttore Caritas Don Francesco Soddu e di Bruno Izzi della Comunità di Sant’Egidio.
Nel corso della presentazione, è stato previsto uno specifico focus sul nuovo assegno temporaneo per i figli minori, che è una prestazione temporanea in vigore dal 1° luglio al 31 dicembre 2021 in attesa dell’attuazione dell’Assegno Unico per i figli previsto dal Family Act.

Articolo presente in: