Cooperazione internazionale

Nardella: “Città protagoniste nella politica globale, baluardi di democrazia”

“Eurocities supporta totalmente la Dichiarazione dei Sindaci presentata oggi.
Sulla guerra in Ucraina i sindaci rimangono mobilitati per fornire aiuti politici e materiali alle città e ai cittadini. Dobbiamo inoltre lavorare insieme per la ricostruzione, che ci auguriamo sia il prima possibile. In secondo luogo la nostra collaborazione sui temi ambientali è totale. Ricordo che Firenze è stata selezionata tra le oltre 100 città europee per la Missione per la neutralità climatica entro il 2030, e ben 71 di queste appartengono a Eurocities. Lavoreremo fianco a fianco con l’Unione europea, i governi nazionali e quelli locali per sviluppare le migliori azioni in grado di fare la differenza sul clima”. A sottolinearlo è il sindaco di Firenze e presidente di Eurocities, Dario Nardella intervenuto al U7 Mayors Summit  “Embracing the Urban World: Cities as Drivers of Change for Peace, Democracy and Sustainability” in rappresentanza di Anci. L’incontro online, organizzato dall’Associazione dei Comuni tedeschi e ICLEI, ha focalizzato l’attenzione sul ruolo delle città per lo sviluppo sostenibile, la democrazia e la pace punti su cui i primi cittadini, riuniti attraverso le reti dei governi locali delle nazioni del G7 e dell’Unione Europea, hanno firmato una Dichiarazione di intenti articolata in dieci punti.
“Come rappresentante di Anci, l’Associazione dei sindaci italiani – ha proseguito – sottolineo inoltre che le città sono dei veri baluardi di democrazia grazie alle relazioni dirette tra cittadini e sindaci eletti. Le città giocano un ruolo fondamentale nella protezione dei diritti umani e della dignità individuale, come recentemente riaffermato in occasione del Florence Mediterranean Forum che si è svolto a febbraio. La Dichiarazione di U7 è così condivisibile – ha concluso il sindaco – anche per il ruolo delle città come attrici sempre più protagoniste nella politica globale, vera e propria forza di diplomazia urbana in prima linea nella cooperazione, nell’economia e nella società.