Cooperazione internazionale

Delegazione serba in visita, al centro i temi del governo locale e delle Unioni di Comuni

E’ iniziata oggi, presso la sede di Anci nazionale, la visita studio di quattro giorni in Italia della delegazione del governo serbo e della Standing Conference of Town and Municipalities, l’associazione che rappresenta le municipalità della Serbia. L’incontro, che rientra nelle attività internazionali sviluppate dall’Anci, ha come obiettivo principale quello di favorire lo scambio di riflessioni sul percorso di decentramento che la Repubblica serba ha recentemente avviato. Il tutto anche grazie ad un ‘incontro’ sul campo organizzato dall’Anci presso due unioni dei comuni: una in Toscana e l’altra in Emilia – Romagna.
Dopo i saluti istituzionali, i rappresentanti del ministero della Pubblica amministrazione e delle Autonomie locali, guidati da Saša Mogić, vice ministro per il sistema di autogoverno locale e quelli dell’associazione serba dei Comuni STCM con il Segretario Generale Djordje Stanicic, hanno partecipato ad una sessione di lavoro imperniata nello specifico sull’ordinamento generale delle autonomie locali e sul funzionamento del sistema della finanza locale. Il seminario, realizzato con un approccio peer to peer, ha dedicato una particolare attenzione ai temi delle Unioni di Comuni ed alla gestione associata delle funzioni, con le relazioni di Giuseppe Canossi e di Marco Mordenti, rispettivamente ex presidente dell’Unione dei Castelli e direttore dell’Unione dei Comuni Bassa Romagna. La giornata è stata conclusa dall’intervento del prefetto Andrea Polichetti in rappresentanza del Dipartimento Affari Interni e Territoriali.
La visita studio continuerà domani a Firenze dove la delegazione serba incontrerà il sindaco e lo staff dell’Unione del Mugello oltre che il direttore di Anci Toscana. L’ultima tappa del mini tour italiano sarà giovedì 11 luglio: prima a Bologna, nella sede di Anci Emilia Romagna, per un incontro che vedrà la partecipazione del direttore Fabrizio Matteucci e di Luca della Godenza, vice presidente dell’Unione Faentina; poi a Vignola per una visita alla sede dell’Unione dei Castelli.

Articolo presente in: