#Anci2018

Polizia locale: VII Rapporto nazionale e premio Sicurezza urbana 2018

RIMINI – Si è tenuto giovedì 25 ottobre alle ore 14.00 nell’ambito della XXXV Assemblea Annuale Anci, presso il complesso fieristico di Rimini, l’annuale appuntamento di presentazione del Rapporto nazionale sull’attività della Polizia locale giunto alla VII edizione e la Consegna del Premio Anci Sicurezza Urbana 2018, patrocinato dal Ministero dell’Interno.
L’iniziativa è stata l’occasione per presentare i dati, unici in Italia, sul lavoro delle Polizie locali anche alla luce delle novità legislative in tema di sicurezza urbana ed integrata nonché, attraverso il Premio, per valorizzare i migliori progetti e le migliori operazioni dei Comandi e dei singoli operatori. Ogni anno con il Rapporto nazionale si racconta uno spaccato significativo del nostro Paese. Quest’anno 157 comandi delle Polizie Locali dei comuni capoluogo di provincia e dei comuni con popolazione superiore ai 50.000 abitanti hanno partecipato attivamente fornendo le informazioni sulle rispettive realtà, in cui abitano complessivamente 21 milioni di italiani, per descrivere il lavoro condotto dagli operatori delle Polizie Locali ponendo l’attenzione sull’attività quotidiana a sostegno della legalità e della sicurezza.
All’incontro introdotto da Luigi de Magistris, sindaco di Napoli e delegato Anci alla sicurezza e legalità hanno partecipato tra gli altri il segretario generale Anci Veronica Nicotra, il presidente dell’Anci Antonio Decaro, il presidente del Consiglio nazionale Anci Enzo Bianco, il Sottosegretario Ministero agli Interni Stefano Candiani, il Presidente di Anci Veneto Rosa Pavanello, quello di Avviso Pubblico Roberto Monta’, Guido Castelli sindaco di Ascoli Piceno e presidente Ifel ed il prefetto di Rimini Alessandra Camporota.
Durante la presentazione del Rapporto sono stati consegnati premi alle polizie municipali dei seguenti Comuni: Anzio, Foggia, Ravenna, Torino, Venezia, Bologna, Firenze, Pescara, Sassari, Verona e Medesano.

Guarda le video interviste:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *