Lotta al Caporalato

Sfruttamento in agricoltura: parte da Castel Volturno progetto per contrasto al fenomeno

Giovedì 6 ottobre alle ore 12.00 il Comune di Castel Volturno ospiterà una conferenza stampa sul percorso intrapreso nell’ambito del progetto “InCaS” per la realizzazione di azioni concrete di contrasto allo sfruttamento lavorativo dei cittadini stranieri in agricoltura e al caporalato.
Interverranno il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per il quale è stato invitato il Ministro Andrea Orlando, il Sindaco di Castel Volturno Luigi Petrella e il Sindaco di Prato Matteo Biffoni in qualità di delegato Anci all’immigrazione. Invitati ad intervenire anche il Prefetto di Caserta Giuseppe Castaldo, l’assessore alla sicurezza legalità e Immigrazione della Regione Campania Mario Morcone e il Sindaco di Caserta e presidente Anci Campania Carlo Marino.
Finanziato dal ministero del Lavoro e delle Politiche sociali mediante il Fondo nazionale politiche migratorie, InCaS sviluppa un programma nazionale con il supporto di Anci e della Fondazione Cittalia agli enti locali sui cui territori si rilevano fenomeni di sfruttamento o disagio abitativo dei lavoratori agricoli.
L’impegno del Comune di Castel Volturno, insieme alle altre realtà territoriali coinvolte nel progetto – Saluzzo, Albenga, Rovigo, Porto Recanati, San Severo, Corigliano-Rossano, Lavello e Siracusa – sarà di definire e adottare entro agosto 2023 un Piano locale multisettoriale rispondente ai bisogni del territorio e in linea con quanto previsto dal Piano triennale di contrasto allo sfruttamento lavorativo in agricoltura e al caporalato.
I Piani locali verranno realizzati con una modalità fortemente partecipativa, mediante l’attivazione dei principali attori e dei principali network istituzionali, di terzo settore e di società civile. Anci e Cittalia seguono un percorso strutturato di programmazione con i Comuni aderenti al progetto, le cui esperienze saranno condivise in rete per favorire il confronto sui risultati raggiunti.

Articolo presente in: