Riqualificazione urbana

Occhiuto: “Risorse dirette ai Comuni dal PNRR per rilanciare i borghi e le città”

“Recuperare, restaurare e conservare, i borghi per impedire lo spopolamento delle aree interne, è una priorità che Anci persegue da tempo. Anche per questo abbiamo chiesto risorse dirette a valere sul PNRR, risorse che serviranno a rendere più attrattivi tanto i piccoli Comuni quanto le grandi città”. Lo ha detto il sindaco di Cosenza e delegato Anci all’Urbanistica, Mario Occhiuto, intervenendo alla tavola rotonda sul “Piano Borghi” organizzata da Italia Nostra.
“Bisogna mettere in rete le idee – ha spiegato Occhiuto – fare squadra tra sindaci e creare le condizioni affinché i progetti di vita delle nuove generazioni siano orientati verso i Comuni delle aree collinari e montane, perseguendo un riequilibrio non solo tra nord e sud dell’Italia ma anche tra grandi e piccole realtà”.
Secondo il delegato Anci “per rilanciare le “piccole perle” italiane, le attività e le azioni devono essere perseguite con un coordinamento ed una logica integrata che deve interessare il patrimonio, la riqualificazione, la rigenerazione urbana e soprattutto il potenziamento ovvero la creazione di servizi fisici e digitali, a disposizione di cittadini e aziende”.
“L’Anci – ha ricordato Occhiuto – ha proposto da tempo la definizione di un’Agenda Urbana Nazionale, in grado di offrire un quadro unico a livello nazionale in cui le politiche urbane possano poggiare su risorse stabili da attribuire direttamente ai Comuni, strumenti e procedure semplificate. Ciò consentirebbe di dare visione strategica unitaria allo sviluppo delle Città e di evitare inefficienze nella spesa attraverso una governance che trae forza dalla sinergia delle azioni sui territori. Ma per fare questo – ha chiosato il sindaco di Cosenza – servono risorse certe e dirette”.