Legalità

“Nella rete del falso”, la Polizia locale di Genova presenta la campagna anticontraffazione

Il comune di Genova e il corpo della Polizia Locale hanno aderito alla campagna anticontraffazione “Nella rete del falso”, progetto finanziato da Anci e che vede il comune di Milano come capofila. Proprio il comune meneghino ha chiesto agli aderenti alla campagna di dimostrare ai cittadini di cosa si parla quando ci si riferisce ai materiali contraffatti.
“Quando parliamo di contraffazione – spiega l’assessore alla sicurezza e alla Polizia locale, Giorgio Viale – non dobbiamo mai dimenticarci del grave danno che questa reca al Made in Italy e alla salute e alla sicurezza. Tutelare il commercio e i nostri marchi è un dovere della politica e delle forze dell’ordine”.
La Polizia Locale di Genova, rispondendo all’appello di Milano, ha installato all’esterno del Salone Nautico, uno stand per informare i cittadini sui rischi del ‘falso’. Secondo l’Ocse in Italia le merci contraffatte portano alla perdita di 88mila posti di lavoro e vengono contraffatti beni per 12,4 miliardi di euro. Nel 2018, la Polizia Locale di Genova ha formato il Goac, Gruppo Operativo anticontraffazione, con l’obiettivo di presidiare il territorio con controlli mirati. Esempio di questi controlli la confisca di oltre 20mila occhiali non conformi alle normative vigenti e pericolosi per la salute dell’individuo. Chi compra prodotti falsi può essere multato.

Articolo presente in: