Scuola

Giachi: “Lavoro Comuni-Governo per nuove soluzioni. Subito supporto famiglie”

“Chiediamo ai ministeri dell’Istruzione, alla Famiglia e alle Politiche sociali di lavorare insieme ai Comuni italiani per trovare soluzioni condivise sia in previsione del nuovo anno  scolastico  ma  che  permettano di avviare già dai prossimi mesi attività rivolte ai bambini e  bambine utilizzando prioritariamente  gli spazi aperti  nel rispetto  di tutte le norme di  sicurezza. Stiamo parlando di  una fascia  di  popolazione per la quale  non solo è necessario,  dopo  questo periodo  di sospensione,   la ripresa  delle relazioni   personali e  tornare alla  consueta socialità,   ma sono  anche  un punto di snodo importante per  le famiglie  che si  apprestano a rientrare  al lavoro  e  alle quali vanno  date  certezze su come  organizzarsi”. Lo ha detto  Cristina Giachi, responsabile Scuola e vicesindaca di Firenze, al termine della Commissione, allargata ai Comuni capoluogo, svoltasi questa mattina in streaming, con la partecipazione di un ampio numero di sindaci e assessori all’Istruzione.
“Pensiamo che già nelle prossime settimane siano necessarie misure di supporto alle famiglie – ha continuato Giachi – come servizi educativi alternativi, soprattutto per i bambini del segmento 0-6, che vorremmo valutare insieme al governo per dare una risposta alle esigenze delle famiglie che ne fanno richiesta”.
La responsabile Scuola dell’Anci ha annunciato che “nei prossimi giorni sarà presentato ai ministeri competenti con un documento ad hoc le idee che quest’oggi abbiamo condiviso con i colleghi amministratori, una serie di proposte concrete per sperimentare nel periodo estivo soluzioni per i genitori che dovranno riprendere il lavoro e chiedere indicazioni certe per la ripresa dei servizi educativi e scolastici a settembre.
“Solo lavorando insieme – ha concluso Giachi – potremo dare risposte serie ai bisogni di tante famiglie e di tanti piccoli cittadini”.