Notizie

Fisco – Castelli: “Tares entri in vigore nel 2014”

“Lo slittamento a giugno del pagamento della Tares, oltre a non portare nessun sollievo ai cittadini, provoca serie problematiche alle gia’ disastrate finanze dei Comuni”.
Lo dichiara Guido Castelli, delegato Anci alla finanza locale che ricorda: “Come Associazione avevamo chiesto lo slittamento al 2014 dell’entrata in vigore del nuovo tributo ambientale. Così non è stato. I cittadini quindi si troveranno a dover pagare a giugno, insieme alle tante altre scadenze fiscali, anche la rata della Tares.
C’è poi la questione – rileva Castelli – delle aziende che svolgono il servizio di rimozione e trattamento dei rifiuti su base di contratti di servizio che, giustamente, esigono dai Comuni il pagamento del corrispettivo con l’applicazione delle nuove aliquote. Questo in sostanza costringe i Comuni a dover affrontare dei pagamenti senza la liquidità necessaria che arriverà non prima di luglio. Situazione insostenibile per le finanze locali già’ gravate dai tagli e dalle manovre finanziarie.
‘Ci auguriamo quindi – conclude l’esponente dell’Anci – che venga emanato un provvedimento di urgenza per attivare da subito la riscossione del nuovo tributo”. (com)