• Febbraio 10, 2021
di Ufficio stampa

Dialogo con le istituzioni

Oggi 10 febbraio Decaro da Draghi in rappresentanza dei sindaci

Il presidente dell'Anci: "Siamo consapevoli della complessità e della delicatezza del momento, e proprio per questo siamo pronti a collaborare sulla base di idee e progetti concreti che rimettano in cammino l’Italia. Abbiamo una grande opportunità per il Paese derivante dalla quantità di fondi da investire e siamo consapevoli  che dalle scelte di oggi vedremo nascere l’Italia di domani"
Oggi 10 febbraio Decaro da Draghi in rappresentanza dei sindaci

Il presidente dell’Anci Antonio Decaro, oggi alle 11, sarà ricevuto dal presidente incaricato Mario Draghi, insieme al presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini e al presidente dell’Upi, Michele De Pascale, in qualità di rappresentanti delle autonomie locali.
“Al presidente Draghi, che ringrazio per l’attenzione e la sensibilità che ha dimostrato nei confronti del ruolo strategico delle autonomie locali nell’attuale assetto del Paese, intendiamo consegnare il nostro contributo per la gestione dell’emergenza e della ripartenza. Siamo consapevoli della complessità e della delicatezza del momento, e proprio per questo siamo pronti a collaborare sulla base di idee e progetti concreti che rimettano in cammino l’Italia. Abbiamo una grande opportunità  per il Paese derivante dalla quantità di fondi da investire e siamo consapevoli  che dalle scelte di oggi vedremo nascere l’Italia di domani. Consegneremo nelle mani del presidente Draghi il piano ‘Città Italia’, redatto dagli ottomila sindaci italiani durante quest’anno di pandemia: investimenti su infrastrutture fisiche e sociali a partire dalla scuola e dai più giovani. Siamo pronti a collaborare su una riforma del Testo unico degli enti locali che preveda regole semplici, efficienti ed efficaci per permettere ai Comuni di partecipare realmente alla ripartenza dell’Italia. Dopo ogni periodo buio della storia del Paese sono stati proprio i Comuni e le città, il motore della rinascita. Anche oggi siamo pronti a fare la nostra parte”.


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *