• Ottobre 24, 2019
di Emiliano Falconio

Conferenza Unificata

Decaro: “Cinghiali nei centri abitati, Comuni senza strumenti di difesa”

Il presidente Anci: "Come Comuni predisponiamo ordinanze per limitare il problema che però non hanno efficacia essendo la materia di competenza delle regioni. Inoltre molte regioni hanno trasferito la competenza su questo tema a Province e Città metropolitane lasciando la situazione frammentata"
Decaro: “Cinghiali nei centri abitati, Comuni senza strumenti di difesa”

L’Anci, in conferenza unificata, ha espresso parere favorevole allo schema di decreto del ministero delle Politiche agricole sulla modalità di concessione degli indennizzi in caso di danni provocati dagli animali protetti. Il tema ha però fornito l’occasione per chiedere, insieme con l’Unione delle Province, di convocare una Conferenza straordinaria che si occupi in modo specifico del fenomeno dei cinghiali. Il presidente dell’Anci, Antonio Decaro, ha ribadito la preoccupazione dei Comuni riguardo al fenomeno che tanti danni causa da tempo nei Comuni e in molti casi anche nelle periferie di grandi città. “E’ ormai diventato abituale lo spostamento dei cinghiali verso i centri abitati. Questo crea problemi sia all’agricoltura e sia alla sicurezza dei cittadini che spesso si imbattono in vere e proprie mandrie. Come Comuni – ha continuato Decaro – a volte predisponiamo delle ordinanze per limitare il problema. Ordinanze che però non hanno efficacia, essendo la materia di competenza delle Regioni. Inoltre molte Regioni hanno trasferito la competenza su questo tema a Province e Città metropolitane, determinando così una situazione frammentata. Siamo quindi d’accordo con l’Upi sulla convocazione di una conferenza straordinaria che, tenendo insieme ministero dell’Agricoltura e ministero dell’Ambiente, trovi soluzioni idonee a risolvere una situazione che si fa mese dopo mese più problematica”.


1 Comments

  • purtroppo e’ assurdo che anche in una citta’ come Roma, ci siano cinghiali in giro per la citta’.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *