Salute e Sport

Presentata la Rete delle Città della Corsa e del Cammino e le Città Bandiera Azzurra 2019

“Come associazione ci stiamo impegnando molto sul tema della salute e dell’attività sportiva nelle città: in questo percorso è importante il fatto di avere stretto una importante alleanza con la Fidal che ci consentirà di divulgare sempre più tra i cittadini il binomio Sport e Salute”. Lo ha detto Roberto Pella, vicepresidente vicario Anci e delegato allo Sport e alla Salute, intervenendo alla conferenza stampa di presentazione dei progetti “Rete delle Città della Corsa e del Cammino e Città Bandiera Azzurra 2019”, ideati da Anci e Fidal, realizzati in collaborazione con FIDAL Servizi e Cities Changing Diabetes. Modulo per aderire alla rete delle Città e requisiti per farvi parte.
“Il nostro obiettivo è quello di portare avanti il messaggio dei corretti stili di vita facendo leva sulla rete delle Città della Corsa e del Cammino che sono i nostri testimonial di una nuova cultura. Già oggi in Italia –ha aggiunto Pella – il 37 per cento della popolazione risiede nelle 14 Città Metropolitane per un totale di circa 22 milioni di abitanti: il fenomeno di urbanizzazione può rappresentare una minaccia per la salute pubblica, se non sapremo controllarlo rendendo le nostre città sempre più walkable e runnable. D’altro canto, per contrastare il fenomeno opposto dell’esodo e dello spopolamento, dobbiamo attuare strategie concrete per migliorare gli stili di vita e l’accesso alla salute del cittadino all’interno dei comuni di minore dimensione demografica e delle aree più interne del Paese perché diventino veri e propri borghi del benessere”, ha concluso.
La Rete delle Città della Corsa e del Cammino é un’iniziativa che rappresenta la volontà di mettere in rete tutti i Comuni italiani sensibili e proattivi rispetto al tema della promozione della salute e del benessere nel contesto urbano. ANCI e FIDAL ambiscono, infatti, a mappare tutto il territorio nazionale, segnalando e certificando i percorsi permanenti dedicati alla corsa e al cammino all’interno dei Comuni e inserendoli in un’app dedicata. Tra questi, ogni anno saranno selezionate le Città Bandiera Azzurra cui è assegnato il prestigioso riconoscimento per essersi distinte nella pianificazione vera e propria di una città-palestra a cielo aperto, in grado di facilitare e promuovere l’attività fisica e motoria “di cittadinanza”.
Nel 2019 le Città Bandiera Azzurra sono: Milano, Roma, Crotone, Cuneo, San Donato Milanese, Chianciano Terme, San Benedetto del Tronto e Vigevano, protagoniste di un vero e proprio tour partito con la prima tappa proprio da San Donato Milanese lo scorso 31 marzo. Insieme ai Relatori, presenti alla conferenza stampa alcuni dei Sindaci e degli Assessori allo Sport delle 8 città nominate per il 2019.
Durante la conferenza è intervenuto anche il presidente del Consiglio nazionale di Anci Enzo Bianco che ha rimarcato l’importanza dei temi della salute e dello sport per costruire una moderna visione delle città, sempre più al centro dei flusso migratori a livello mondale. “L’Italia – ha detto in qualità di vicepresidente del Comitato delle Regioni dell’Unione Europea – si farà parte attiva per portare la proposta di istituire la Giornata per la salute e il benessere nelle città a livello europeo presso il Comitato alla prossima riunione dell’organismo europeo”.
“Fidal e Fidal Servizi da tempo portano avanti la terza missione della nostra Federazione: é quindi con grande piacere che presentiamo la seconda edizione di Bandiera Azzurra e il progetto della Rete, convinti che siano strumenti utili per sportivizzare le città e renderle più moderne, a misura d’uomo e sostanzialmente più felici. Proprio insieme ad ANCI vorremmo essere protagonisti di questa rivoluzione.”, così il Segretario Generale FIDAL Fabio Pagliara.
“Con grande entusiasmo la Federazione Italiana di Atletica Leggera, anche quest’anno, assegna le 8 Bandiere Azzurre ad altrettante città che hanno dimostrato grande impegno e grande visione nella promozione di stili di vita sani all’interno del proprio contesto urbano con la creazione di percorsi dedicati alla corsa, e più in genere all’attività motoria e al cammino, unitamente a iniziative divulgative per la cittadinanza.”, commenta il campione olimpico di marcia e Responsabile di progetto Maurizio Damilano.
Infine Federico Serra, Direttore Cities Changing Diabetes Italia: “Cities Changing Diabetes è un progetto di studio internazionale promosso dall’University College of London e dallo Steno Diabetes Centre di Copenaghen già implementato in molte città in tutto il mondo e, in Italia, a Roma e a Milano, come città partner insieme a un network di città advocate costituito dalle città metropolitane e a un nucleo di Comuni di minore dimensione demografica. Si propone come obiettivo valutare l’impatto dell’urbanizzazione sulle malattie croniche non trasmissibili, come diabete e obesità. ANCI e FIDAL rappresentano Istituzioni di massimo livello in grado di imprimere un cambiamento importante per le dimensioni e la qualità delle soluzioni adottate che mirano a un progressivo miglioramento della qualità di vita dei propri cittadini.”