Urbact city festival

Si chiude a Parigi la rassegna dedicata alle città verso la nuova programmazione europea

Si è concluso a Pantin il Festival delle città di Urbact a cui hanno preso parte anche le città italiane del network del principale programma europeo dedicato allo sviluppo urbano sostenibile. Alla manifestazione di Parigi, a cui ha partecipato anche l’Anci che ha animato diversi panel tematici, hanno portato la propria esperienza oltre 30 città italiane con numerosi assessori, funzionari e attori locali.
Nel corso delle sessioni tematiche le città italiane hanno illustrato nel dettaglio le azioni e i progetti realizzati attraverso il lavoro e la collaborazione con gli attori locali: così ad esempio Perugia ha parlato del coinvolgimento delle imprese culturali per lo sviluppo del territorio, mentre Genova ha focalizzato l’attenzione sul turismo sostenibile mentre la Bassa Romagna sui temi legati al food.
Le esperienze delle città italiane dimostrano non solo come i nostri territori siano principali attori anche a livello europeo su questioni cruciali che saranno anche al centro del prossimo bando Urbact, in uscita ad ottobre, ma si pongono anche come punto di riferimento per favorire una maggiore partecipazione sempre più qualificata ed ampia anche di altre città alla rete europea.
Nel corso dell’incontro è emerso anche che “la nuova programmazione europea – come ha rimarcato il responsabile di Urbact Italia per Anci, Simone d’Antonio – vedrà sempre una maggiore integrazione tra i diversi strumenti urbani di sviluppo (Uia, Agenda urbana europea e Urbact – ndr) un indirizzo che va di pari passo con quanto sta facendo l’Anci già da tre anni. L’obiettivo è quello di far dialogare tra loro le città che partecipano ai diversi programmi europei cercando di valorizzare le esperienze e i progetti”.
I temi discussi all’Urbact city festival, dalla transizione digitale all’ambiente, dall’inclusione sociale al contrasto ai cambiamenti climatici, saranno anche al centro del quarto Festival italiano dedicato alle buone pratiche di Urbact (che prevede sei sessioni di visioning) che si terrà a Bari il 7 e l’8 luglio.

Articolo presente in: