• Giugno 10, 2024
di Redazione Anci

Anci Regionali

Polizia di Stato e Consorzio dei Comuni Trentini, siglato protocollo intesa per cybersicurezza 

Obiettivo dell'accordo: prevenire e contrastare i crimini informatici Comuni trentini
Polizia di Stato e Consorzio dei Comuni Trentini, siglato protocollo intesa per cybersicurezza 

Questa mattina alla presenza del Commissario del Governo per la Provincia di Trento Giuseppe Petronzi, è stato siglato un protocollo di intesa per la prevenzione e il contrasto dei crimini informatici tra la Polizia di Stato e il Consorzio dei Comuni Trentini, rappresentati rispettivamente dal Dirigente del Centro Operativo per la Sicurezza Cibernetica della Polizia Postale del Trentino – Alto Adige, Vice Questore della Polizia di Stato Alberto Di Cuffa e dal Presidente del Consorzio, Dott. Paride Gianmoena.
L’accordo siglato fa parte del più ampio “Progetto per la Cyber Sicurezza dei Comuni Italiani – PRO-C2SI”, quale diretta attuazione della convenzione quadro tra la Polizia di Stato e Anci del luglio 2023, firmata dal Capo della Polizia – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza e dal Presidente di Anci.
Il protocollo prevede l’impegno ad adottare procedure di intervento e un costante scambio di informazioni per la tutela delle infrastrutture digitali e delle banche dati gestite dai Comuni nonché l’organizzazione di momenti di formazione dedicata ai tecnici – per una migliore e più pronta capacità di primo intervento e di immediata segnalazione ai Centri Operativi territoriali in caso di attacchi – e al quadro direttivo e dirigenziale dei Comuni, al fine di elevarne il livello di consapevolezza dei rischi ai quali l’Ente locale o l’Associazione regionale possano risultare esposti.
Il Consorzio dei Comuni Trentini,  Anci e Uncem provinciale, associa e rappresenta la totalità dei Comuni, le Comunità di valle e i BIM della Provincia autonoma di Trento, a favore dei quali gestisce varie attività tra cui le iniziative di consulenza che trovano collocazione nelle Commissioni tecniche, attività di formazione nei settori e nelle materie di interesse per gli associati, attività di servizio per la gestione degli appalti e contratti pubblici e delle posizioni retributive dei dipendenti comunali, oltre alle iniziative legate al processo di digitalizzazione e innovazione della pubblica amministrazione.
La firma di questo protocollo rappresenta una tappa significativa nel processo sinergico di collaborazione tra pubblico e privato per la costruzione di un sistema di condivisione di conoscenze e di esperienze professionali diversificate ma convergenti, con l’obiettivo di un costante miglioramento dei servizi resi all’utenza e a tutela della sicurezza della attività produttive a fronte dei molteplici e insidiosi rischi che coinvolgono l’utilizzo professionale delle nuove tecnologie di comunicazione.