#MissioneItalia2022

Pnrr e programmi Ue per le città, a Missione Italia il focus group dei Comuni Urbact

I programmi europei di innovazione urbana contribuiscono a rendere gli investimenti del PNRR più efficaci, permettendo di testare nuove soluzioni e servizi per rendere più vivibili e sostenibili i contesti urbani. Il focus group con i Comuni partecipanti alle reti URBACT svoltosi nell’ambito di Missione Italia ha fatto emergere alcuni degli elementi di maggiore interesse legati alla combinazione tra bandi del PNRR e sperimentazione di approcci europei alla vivibilità urbana.
Le esperienze di Cuneo, Pordenone, Siena e Bassa Romagna testimoniano quanto i Comuni stiano incrociando strumenti e interventi diversi per la realizzazione di nuove infrastrutture capaci di cambiare la gestione della mobilità urbana, gli spazi pubblici ma anche l’offerta culturale attraverso azioni su scuole e biblioteche. Allo stesso tempo, tali contenitori necessitano di essere riempiti di nuovi servizi e funzioni: una sfida che i Comuni possono vincere anche attraverso la partecipazione a reti e progetti finanziati da URBACT, Iniziativa Urbana Europea e Agenda Urbana per l’UE, che consentono di guardare all’Europa e ispirarsi a piani e azioni integrate di innovazione urbana.
La mappatura di spazi e contenitori da accelerare attraverso processi di partecipazione civica e pianificazione integrata è tra le azioni proposte dai Comuni che ANCI come Punto nazionale URBACT porterà avanti nei prossimi mesi. La partecipazione a progetti europei può contribuire a consolidare quei processi di coinvolgimento della comunità che contribuiranno a dare un nuovo ruolo agli spazi. Migliorare la qualità della progettazione e dell’interazione con altre realtà europee può sicuramente essere un elemento importante per migliorare la programmazione integrata dei Comuni, rendendo la partecipazione ai primi bandi di URBACT IV e Iniziativa Urbana Europea un complemento qualificato all’attuazione del PNRR.

 

Articolo presente in: