Digitalizzazione

Open Fiber: prosegue il piano per costruire una rete interamente in fibra ottica per gli italiani

La fibra fino a casa arriverà nelle città con investimento privato e nei piccoli comuni tramite il piano BUL di Infratel

Digitalizzare il paese tramite un’infrastruttura interamente in fibra ottica che raggiunga le case, gli uffici, le aziende degli italiani. E’ questa la mission di Open Fiber, azienda di Enel e Cassa Depositi e prestiti che ha avviato un ambizioso progetto che vedrà connesse 271 città italiane e oltre 6 mila piccoli comuni.

Il progetto, avviato da qualche anno, coinvolge l’Italia senza distinzioni tra grandi città e piccoli centri, permettendo così a tutto il Paese di colmare un insostenibile gap digitale.

Nel caso dei grandi comuni l’investimento è a carico dell’azienda, per i piccoli centri e nelle zone rurali, in cui vive il restante 40% della popolazione, Open Fiber costruisce una rete pubblica con gli strumenti e le risorse definiti dalle gare Infratel, società in house del Ministero dello Sviluppo Economico nell’ambito del piano BUL (banda ultra larga). In entrambi i casi la tecnologia è la stessa: una fibra ottica in modalità FTTH (Fiber to The Home), cioè che entra fin dentro casa, con una garanzia di velocità nettamente superiore alla fibra FTTC (Fiber to the cabinet, ovvero misto rame).

Con la nuova rete l’intera tratta dalla centrale all’abitazione è completamente in fibra consentendo di ottenere il massimo delle performance con velocità fino a 1 Gigabit al secondo (Gbps).

Una rete “a prova di futuro”, in grado di supportare tutte le potenzialità delle nuove tecnologie che arriveranno nei prossimi anni in linea con i fondamenti della Gigabit Society. Un’infrastruttura che per l’Italia che sia all’altezza delle sfide del futuro: smart working, domotica, telelavoro, pubblica amministrazione digitale saranno alla portata di tutti. Open Fiber è un operatore wholesale only: non vende servizi in fibra ottica direttamente al cliente finale, ma è attivo esclusivamente nel mercato all’ingrosso, offrendo l’accesso a tutti gli operatori di mercato interessati.

Articolo presente in: