• Ottobre 31, 2023
di Ufficio stampa

Legge di bilancio

Nuovi tagli ai Comuni, cresce la preoccupazione in Toscana

Biffoni e Gheri: se saranno confermati, a rischio i servizi per i cittadini
Nuovi tagli ai Comuni, cresce la preoccupazione in Toscana

Dopo l’allarme lanciato dal palco dell’Assemblea nazionale Anci che si è tenuta a Genova, sale anche in Toscana la preoccupazione per i tagli lineari alle risorse dei Comuni previsti nella manovra del governo, che presto passerà all’esame del Parlamento: 250 milioni di euro definiti subito dai sindaci “non sostenibili”. Il rischio è stato rilanciato anche dal presidente di Anci Toscana e sindaco di Prato Matteo Biffoni e dal direttore Simone Gheri. I numeri elaborati da Irpet dicono che In Toscana (compresa la sanità) mancherebbero all’appello 45-50 milioni di euro; ed Anci è al lavoro per capire la reale ricaduta sui bilanci delle amministrazioni.

“Nuovi tagli significano prima di tutto servizi a rischio per i cittadini. Nonostante le tante belle parole sul ruolo e sulla centralità dei Comuni, non ci viene riconosciuto niente: nè per la cancellazione del reddito di cittadinanza, nè per le spese per la gestione dell’immigrazione; e inoltre è stato azzerato il fondo di sostegno per gli affitti” sottolinea Biffoni. Mentre Gheri spiega: “La manovra colpisce i Comuni più virtuosi, quelli che hanno più servizi. Le soluzioni a costo zero ci sarebbero: riduzione fondo crediti dubbia esigibilità; contributo statale per l’annosa questione della perequazione del Fondo di solidarietà comunale; sul Pnrr, anticipo dal 10 al 30% dei pagamenti in tempo reale, ovvero appena caricati i dati sulla piattaforma Regis; ripristino del fondo affitti e no ai tagli per fondo disabilità. I Comuni sono come un dipendente a reddito fisso: con l’inflazione crescente, ci vorrebbero risorse aggiuntive e non certo tagli. O almeno si dovrebbero mantenere gli stessi trasferimenti”.