Pnrr

Linee guida ANAC su dati e informazioni all’Autorità per parità di genere e inclusione lavorativa

Pubblichiamo la delibera ANAC n. 122 del 16 marzo 2022 recanteIndividuazione dei dati e delle informazioni che le stazioni appaltanti e gli enti aggiudicatori devono fornire alla Banca dati nazionale dei contratti pubblici al fine di monitore l’adozione dei requisiti e dei criteri premiali per le pari opportunità generazionali e di genere, nonché per l’inclusione lavorativa delle persone con disabilità, di cui all’articolo 47 decreto-legge 31 maggio 2021, n. 77, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 luglio 2021, n. 108, in relazione ai contratti finanziati con le risorse del PNRR e del PNC”.
Tale provvedimento individua dati e informazioni che le stazioni appaltanti e gli enti aggiudicatori devono fornire alla Banca dati nazionale, inerenti gli appalti e le concessioni, sopra-soglia e sotto-soglia, afferenti gli investimenti pubblici finanziati con le risorse Pnrr. Ciò al fine di monitorare l’adozione dei requisiti e dei criteri premiali per le pari opportunità generazionali e di genere e per l’inclusione lavorativa delle persone con disabilità.
Nello specifico, all’interno delle linee guida è riportata una tabella che indica i dati che le stazioni appaltanti e gli enti aggiudicatori, attraverso apposite caselle messe del sistema Simog, comunicano all’ANAC Stesse. Tali obblighi di comunicazione saranno resi operativi però, solo dopo la comunicazione fornita dall’Autorità, in quanto occorre un adeguamento dei sistemi informativi.
La delibera dell’ANAC riporta, inoltre, che tra i dati e le informazioni relativi ai contratti finanziati con le risorse del PNRR e del PNC ve ne sono alcuni utili, oltre alle specifiche finalità di monitoraggio di cui alle Linee guida del 7/12/2021, anche alle finalità indicate dall’articolo 213, comma 10, che pertanto devono essere comunicati obbligatoriamente dalle stazioni appaltanti e dagli enti aggiudicatori all’Autorità, in modo da consentirne la relativa annotazione. Si tratta, in particolare, delle ipotesi di esclusione dalle procedure di affidamento e di applicazione delle penali per inadempimento degli obblighi assunti dagli operatori economici aggiudicatari. Al fine di agevolare la comunicazione dei succitati dati e informazioni , l’Autorità sta provvedendo all’aggiornamento dei modelli informatici già in uso per la comunicazione delle cause di esclusione e delle notizie utili, con nuovi modelli resi disponibili nel mese di aprile 2022. Nelle more, le stazioni appaltanti potranno utilizzare i moduli attualmente disponibili, compilando le caselle a campo libero ivi previste, quali quelle denominate “Altro”, “Azioni intraprese dalla stazione appaltante”, “Altra condotta posta in essere durante la fase dell’evidenza pubblica”, “Descrizione della condotta”. Anche in questo caso le linee guida contengono una tabella riepilogativa con le notizie ritenute utili per le finalità di cui all’articolo 213, comma 10 del Codice nonché per il monitoraggio dei contratti PNRR e PNC, che le stazioni appaltanti e gli enti aggiudicatori sono obbligati a comunicare all’Autorità.

Articolo presente in: