Cooperazione internazionale

Il Programma Municipi senza Frontiere

ANCI ha avviato il programma partecipativo di Cooperazione territoriale Municipi senza Frontiere che mira a valorizzare le professionalità e le competenze presenti nei Comuni, aprendo spazi di lavoro congiunto su attività internazionali a sostegno della democrazia partecipativa e della governance dei territori. Nel far questo, ANCI si è dotata di obiettivi specifici, ispirati alle linee dell’Agenda 2030, di strumenti operativi e risorse di finanziamento di vario genere, che fanno capo a una metodologia innovativa in linea con le direttive della Legge “Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo”  n. 125/2014.

Il Tavolo Nazionale di lavoro e coordinamento sulla Cooperazione territoriale

In accordo con le direttive della Legge 125/2014 sulla Cooperazione allo Sviluppo, ANCI propone una serie di attività volte ad implementare la nozione di Partenariato territoriale, attraverso il coinvolgimento diretto dei Comuni e delle Città Metropolitane.

Il Tavolo Nazionale di lavoro e coordinamento sulla Cooperazione Territoriale, che si riunisce periodicamente presso la sede ANCI, offre uno spazio importante per la costruzione e il consolidamento di una rete di relazioni tra Enti locali italiani impegnati in azioni di respiro internazionale.

Gli 8 obiettivi della Cooperazione Territoriale

Allineandosi con le politiche dello Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 e con la programmazione italiana definita nella Legge 125/2014, ANCI ha individuato, a sostegno dell’intervento territoriale, 8 obiettivi che devono ispirare la ratio delle azioni promosse insieme ai Comuni e le Città metropolitane aderenti al Programma.

  1. Migrazione e sviluppo
  2. Governance
  3. Peace Building
  4. Resilienza
  5. Città Sostenibili
  6. Gender
  7. Diritti Umani
  8. Educazione alla cittadinanza globale