• Giugno 13, 2024
di Redazione Anci

Politiche giovanili

Il 12 giugno a Novara, il II incontro territoriale di ANCI Next Gen

Territori Z Racconti e prospettive per un nuovo approccio dei giovani al territorio
Il 12 giugno a Novara, il II incontro territoriale di ANCI Next Gen

Nella suggestiva cornice dell’Arengo del Broletto, con il titolo “Territori Z Racconti e prospettive per un nuovo approccio dei giovani al territorio, fra innovazione sociale e intelligenza artificiale” si è tenuto il II evento territoriale in presenza di ANCI Next gen, la Community inaugurata lo scorso novembre dall’Associazione perché operatori pubblici e privati abbiano un luogo permanente di scambio e confronto di contenuti, pratiche ed esperienze, nuove prospettive.
Come sottolineato da Antonella Galdi, Vice Segretario Generale dell’ANCI, dopo oltre un decennio di esperienza nel sostegno di progettualità comunali indirizzate ai giovani, grazie al Fondo Nazionale per le Politiche Giovanili, l’Associazione ha sentito l’esigenza di dare vita a un vero e proprio “Centro di competenza sulle politiche giovanili a impatto locali” che, attraverso lo scambio continuo fra gli operatori del settore e la valutazione degli impatti dei programmi sinora messi in campo con gli avvisi pubblici ANCI, possa fornire indicazioni e suggestioni per  investimenti futuri sempre più “di impatto” sulle giovani generazioni.
L’evento è stato realizzato da ANCI Next Gen Community e dal Comune di Novara, in collaborazione con la IFEL Fondazione ANCI e FCN – Fondazione di Comunità Novarese.
Dopo il successo della “prima tappa” degli eventi territoriali di ANCI Next Gen, che ha visto Torino come Città ospitante, Novara ha rappresentato una meta naturale, forte dell’impegno e del successo delle politiche e degli interventi realizzati dall’Amministrazione comunale.
Grazie alla grande capacità di ingaggio dei giovani, alla qualità delle progettualità espresse e all’utilizzo di strumenti innovativi di amministrazione condivisa, unita all’integrazione di diverse fonti finanziarie, dagli Avvisi ANCI ai bandi delle Fondazioni e delle amministrazioni centrali -come sottolineato dal Sindaco di Novara e Presidente di IFEL Alessandro Canelli- la Città di Novara rappresenta orami un traino anche per i Comuni circostanti, pronta a progettare servizi sempre più innovativi, soprattutto con protagonisti i giovani.
Con l’affondo sull’ “Intelligenza artificiale delle istituzioni” il testimone è stato passato a Pierciro Galeone, Direttore di IFEL, che ha evidenziato la necessità di competenze sempre nuove e l’esigenza di introdurre elementi di “innovazione” nella P.A. locale, per cogliere le opportunità che l’Intelligenza Artificiale offre ai territori.
Aspetti sottolineati anche nelle relazioni tecniche introduttive in plenaria del Tavolo dedicato all’AI, a cura di  Roberto Moriondo – Direttore generale Comune di Novara e Stefania Bandini – Docente di Informatica Università Milano-Bicocca e Direttore del Centro Studi e Ricerca CSAI, che hanno ricordato le grandi opportunità dell’Intelligenza Artificiale nel campo dell’efficientamento di processi e  procedure nei Comuni e per l’erogazione di nuovi servizi, soprattutto nei territori più fragili, dove essi rappresentano uno dei freni più importante allo spopolamento dei territori:
Un quadro di complessità e di opportunità tracciato anche dal Prof.  Davide Maggi – Presidente della Fondazione Comunità Novarese e dalla dott.ssa Patrizia Spina, Dirigente Settore Politiche sociali del Comune di Novara, che hanno sottolineato nelle loro relazioni come “cavalcando” questa complessità e programmando dal basso, dando il giusto valore all’ascolto dei giovani e a un co-progettazione attenta ai veri bisogni della comunità giovanile, si può dar vita a strategie di sviluppo locale fortemente impattanti sulle giovani generazioni.
Le tante sfaccettature dell’Innovazione – sociale, istituzionale, tecnologica, amministrativa sono state poi oggetto di un confronto vivace nei due tavoli tecnici: su “Partecipazione e ingaggio giovanile nelle politiche e nelle strategie territoriali, con focus sul rapporto su Progettualità giovanili amministrazione condivisa, Innovazione sociale nella rigenerazione degli spazi e ruolo delle Fondazione nel sostegno finanziario alle progettualità” il primo, mentre il secondo con focus, con un focus su prospettive normative e attuative dell’Intelligenza Artificiale applicata al governo del territorio,
Le conclusioni sono state affidate a Teresa Armienti – Assessore alle Politiche sociali e giovanili del Comune di Novara-  che ha espresso con entusiasmo la volontà dell’Amministrazione comunale di proseguire il percorso di crescita socioeconomica dei giovani di Novara, ormai avviato e consolidato su un tracciato che sta regalando risultati e grandi soddisfazioni.