#MissioneItalia2022

Giovannini: “Tutte le procedure sperimentate e che funzionano saranno replicate sui provvedimenti”

“Il Presidente Decaro ha richiamato ieri la bellezza di questa “Nuvola” e mi chiedo se da questa “Nuvola” sia possibile immaginare il futuro, un futuro diverso per schiarire alcune idee ancora non chiare”. Così Enrico Giovannini, Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile, nel suo intervento durante la seconda giornata dell’evento ha illustrato gli interventi già introdotti e da programmare per le misure del piano che riguardano le città ed i cittadini in merito alla mobilità sostenibile.
“Il punto di oggi è sulla mobilità, e le parole sono importanti – ha proseguito il Ministro – E’ necessario un cambio profondo di introspezione, di visione, di cui abbiamo assoluto bisogno. Per quanto riguarda la mobilità locale, questa ha bisogno di un salto enorme di qualità perché l’unico modo che abbiamo per migliorare la qualità della vita delle persone e superare le disuguaglianze economiche. La sostenibilità non solo economico ma anche sociale. La quota del trasporto pubblico è insufficiente nelle nostre città, basso rispetto agli altri paesi europei di riferimento, basso come dato sia qualitativo che in termini di accessibilità. Un cambiamento verso una mobilità locale migliore è una grande opportunità che ci offre il Pnrr, anche attraverso un uso maggiore di strumenti digitali a disposizione”.
“Anche le infrastrutture sono insufficienti – ha spiegato poi il Ministro – in questo momento le Regioni hanno il compito di programmare partendo dai fondi di coesione ed integrandolo con le risorse già stanziate e non utilizzate. Abbiamo una lunga strada davanti ma in un’ottica sinergica, non è solo spesa per investimenti la programmazione degli interventi ma il tema è quello della scelta”.
In futuro sono previsti non solo interventi, bandi ed incentivi per i comuni in tema di mobilità sostenibile, ha spiegato il Ministro, ma anche a favore dei cittadini come è avvenuto con la creazione di un Fondo ministeriale che abbassa il prezzo degli abbonamenti del trasporto pubblico locale. Il cambio di paradigma è quello il cambiamento di prospettive, dal trasporto pubblico locale all’integrazione con il trasporto nazionale e regionale passando da interventi a favore dell’intermodalità degli spostamenti. Procedure e semplificazione amministrativa con l’obiettivo di integrare le risorse del Pnrr con altre risorse. Queste le richieste dei sindaci accolte dal Ministro. “Tutte le procedure sperimentate e che funzionano saranno replicate sui provvedimenti in corso e su quelli futuri”, ha chiuso il Ministro.