• Ottobre 24, 2018
di Federica Demaria

#Anci2018

de Magistris: “Cittadini che si prendono cura del territorio sono protagonisti del proprio destino”

“In questi sette anni di attività da sindaco la rinascita della mia città è stata fondata sulla partecipazione dei nostri cittadini in primis i giovani impegnati in diverse attività”. Il racconto dell'esperienza di Napoli all'Assemblea di Anci.
de Magistris: “Cittadini che si prendono cura del territorio sono protagonisti del proprio destino”

RIMINI – “Ogni bambino ha dentro il talento del male e il talento del bene sta noi aiutarli a scegliere, sta a noi dare l’alternativa”. Così il sindaco di Napoli e vice presidente Anci Luigi de Magistris parlando alla tavola rotonda dedicata all’Educazione alla cittadinanza.
“In questi sette anni di attività da sindaco la rinascita della mia città – ha detto – è stata fondata sulla partecipazione dei nostri cittadini in primis i giovani impegnati in diverse attività quali ad esempio il tavolo della creatività urbana. Ci siamo impegnati per riaprire molte chiese e i giovani sono i primi a impegnarsi come accompagnatori per raccontarle”. Il punto secondo de Magistris è che “la cultura crea lavoro” e l’obiettivo che vuole raggiungere nella sua città per dare l’esempio a tutto il Paese è che “una chitarra, un tamburo, la street art fanno più rumore di una pistola, perché se offri una alternativa la gente ti segue”.
“Il sindaco deve stare per strada per capire i propri cittadini – ha continuato –. E’ bene, quindi, che il sindaco faccia incontri istituzionali ma solo se va per strada e capisce cosa succede nella città parlando con le persone può capire”.
“A Napoli ci sono mille problemi – ha proseguito – c’è inferno e paradiso ma in questi anni con l’energia che ci abbiamo messo possiamo dire che la città è tutto tranne che depressa. E questo lo possiamo dire perché i napoletani per primi si sono impegnati per prendersene cura. Se cittadini si prendono cura del territorio accadrà la rivoluzione per cui ognuno diventa protagonista del proprio destino”.


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *