• Giugno 20, 2024
di Redazione Anci

Anci Puglia

Associazioni Donatori, Coord. pazienti thalassemici, CIDP e Anci Puglia contro emergenza sangue

Associazioni e Federazioni Donatori, Coordinamento pazienti thalassemici, CIDP Italia e Anci Puglia insieme per prevenire emergenza sangue estiva
Associazioni Donatori, Coord. pazienti thalassemici, CIDP e Anci Puglia contro emergenza sangue

Le Associazioni e Federazioni Donatori, il Coordinamento regionale pazienti thalassemici, CIDP Italia Onlus (Associazione italiana dei pazienti con neuropatie disimmuni) e Anci Puglia hanno unito le forze per prevenire l’emergenza sangue del periodo estivo. L’obiettivo di questa collaborazione è promuovere la solidarietà e il sostegno alla vita attraverso un impegno congiunto rivolto, attraverso i Comuni, a tutti i cittadini pugliesi sensibilizzandoli a donare sangue. Presenti alla conferenza stampa odierna, presso la sede Anci di Bari: Fiorenza Pascazio (Presidente Anci Puglia), Angelo Ostuni (Direttore Struttura Regionale Coordinamento Medicina Trasfusionale), Raffaele Romeo (Presidente Avis Puglia), Emanuele Gatto (Presidente Fidas Puglia), Roberto Nacci (Presidente Fratres Puglia, Angela Melidoro (Vicepresidente Coordinamento Regionale Thalassemici).
In Puglia sono circa 700 i pazienti affetti da thalassemia (malattia genetica ereditaria), costretti per tutta la vita a continue trasfusioni di sangue. La vita di un paziente thalassemico, quindi, dipende esclusivamente dai donatori di sangue.  Un appello alle comunità per recarsi presso uno dei 22 centri trasfusionali presenti nella regione (https://www.sanita.puglia.it/web/centro-regionale-sangue-src). Ogni donazione è fondamentale per garantire scorte ematiche sufficienti a coprire il fabbisogno ordinario, le emergenze e gli interventi sanitari durante l’estate. Durante questo periodo, a fronte di un aumento delle richieste, si registra una preoccupante riduzione di donazioni (circa 10%), che compromette l’autosufficienza ematica regionale, considerando che il fabbisogno mensile pugliese è di 14.000 unità di emazie/mese.

Fiorenza Pascazio – Presidente Anci Puglia

“L’Anci è da sempre impegnata in azioni di comunicazione, informazione e sensibilizzazione sul territorio, insieme ad associazioni e federazioni di donatori volontari di sangue. Quest’anno abbiamo ulteriormente rafforzato il nostro impegno, in collaborazione con il Centro Regionale Sangue, con un’azione di promozione congiunta volta a incrementare il numero di donatori tra la popolazione giovanile. Donare sangue significa garantire la sopravvivenza e l’accesso alle cure di molti pazienti, oltre a rappresentare un gesto di grande altruismo e senso civico. È fondamentale creare condivisione e connessione tra istituzioni, cittadini, donatori e pazienti. La solidarietà e la cultura del dono sono valori cardine che dobbiamo coltivare e promuovere, soprattutto tra i giovani. Oggi, dalla sede dell’Anci, anche grazie alla sensibilità dimostrata dagli organi di stampa, parte un appello congiunto rivolto, attraverso i Comuni, ai cittadini, invitandoli a partecipare attivamente alle iniziative di donazione di sangue ed emocomponenti per scongiurare l’emergenza estiva. Sarebbe davvero bello se ogni Sindaco di ciascun comune pugliese si impegnasse da oggi personalmente per sensibilizzare i propri cittadini alla donazione di sangue. Un gesto semplice ma incredibilmente potente, che può fare un’enorme differenza per la vita di altre persone”.

Angelo Ostuni – Direttore Struttura Regionale Coordinamento Medicina Trasfusionale

“Donare sangue, plasma e piastrine è un gesto molto semplice che ha un impatto sociale fortissimo. Quest’anno con Anci Puglia, Associazioni e Federazioni Donatori, Coordinamento regionale pazienti thalassemici e Associazione italiana dei pazienti con neuropatie disimmuni (CIDP Italia onlus), abbiamo voluto lanciare una campagna di promozione della donazione in tutti i Comuni pugliesi con l’intento di affermare l’importanza di questa “buona pratica” anche nel periodo estivo, a fronte di un calo fisiologico, frequente soprattutto in questi mesi dell’anno. Durante il periodo estivo si registra un aumento di fabbisogno, ed una riduzione media di donazioni del 10% circa rispetto ad altri periodi, il fabbisogno mensile regionale è di 14.000 unità di emazie/mese.

Nonostante le donazioni in Puglia siano in aumento (globuli rossi: + 3,5% rispetto allo stesso periodo del 2023 – plasma: + 6,0%), è comunque indispensabile la collaborazione da parte di tutti; l’invito è quindi rivolto ai cittadini pugliesi, donatori abituali e non: recatevi a donare in uno dei 22 centri trasfusionali (https://www.sanita.puglia.it/web/centro-regionale-sangue-src), informandovi presso le sedi delle Associazioni o nei punti di raccolta sangue presenti in tutto il territorio regionale.  È sufficiente essere in buone condizioni di salute, BASTA VOLERLO. VI ASPETTIAMO.”

Angela Melidoro – Vicepresidente Coordinamento Thalassemici Regione Puglia

“In Puglia ci sono circa 700 pazienti affetti da thalassemia (malattia genetica ereditaria) che costringe i pazienti a continue trasfusioni di sangue per tutta la vita. Un paziente adulto trasfonde due unità di sangue ogni 15/21 giorni. La vita di un paziente thalassemico dipende totalmente da chi decide in maniera consapevole, gratuita e generosa di donare il proprio sangue. Ogni sacca donata quindi si trasforma sempre in un progetto di vita per chi la riceve, un traguardo importante come il conseguimento di un diploma o di una laurea, di un lavoro, un progetto di famiglia, l’avere dei figli. L’estate rappresenta da sempre un periodo difficile per i pazienti thalassemici per la carenza di sangue che, soprattutto in alcuni territori, costringe a trasfondere una sola sacca invece che due. Questo problema ed il forte caldo rendono la vita di un paziente molto faticosa e pesante, persino le normali funzioni quotidiane diventano spesso complicate da gestire. L’unico rimedio è affidato alla sensibilità dei donatori ed ecco perché diventa fondamentale investire in campagne di sensibilizzazione come questa, con una particolare attenzione rivolta ai giovani. Le istituzioni, i dirigenti scolastici, le associazioni di donatori e quelle di riceventi dovrebbero programmare iniziative sul territorio ed incentivare questa buona pratica utilizzando i nuovi linguaggi di comunicazione per farne comprendere l’importanza. In fondo donare è una questione culturale, di educazione etica e civica perché il donatore di sangue è sicuramente anche un buon cittadino che comprende che donando una parte di sé stesso aiuta e migliora la comunità in cui vive!”.

Raffaele Romeo – Presidente Avis Puglia

“L’estate è notoriamente il periodo in cui andiamo in sofferenza con la raccolta di sangue, per questo abbiamo molto apprezzato l’iniziativa del Direttore dell’SRC Angelo Ostuni e della Presidente Anci Puglia Fiorenza PASCAZIO, in quanto riteniamo di assoluta importanza il coinvolgimento dei Comuni nella sensibilizzazione dei cittadini. Le nostre sedi territoriali sono già bene integrate nelle attività dei Comuni di appartenenza e queste iniziative non fanno altro che rafforzare questo legame. Come associazione di volontariato continueremo nell’attività di sensibilizzazione e promozione del dono del sangue mettendo a disposizione la nostra rete associativa ed i nostri Donatori affinché si possa evitare qualsiasi emergenza nella raccolta del sangue a beneficio di tutti i nostri pazienti.”

Roberto Nacci – Presidente Fratres Puglia

“Con entusiasmo diamo il via alla campagna estiva di sensibilizzazione alla donazione di sangue e plasma, che quest’anno assume un significato ancora più importante grazie alla rinnovata collaborazione con Anci Puglia e all’allargamento del partenariato alle associazioni dei riceventi, come l’associazione talassemici di Puglia e la CIDP Italia. Come sancito dall’Intesa firmata con Anci la scorsa estate, la sinergia tra donatori e riceventi è fondamentale per rafforzare il messaggio di solidarietà e responsabilità civica che sta alla base della donazione. In particolare, l’estate rappresenta un periodo critico per le scorte di sangue, con un aumento delle richieste e un calo delle donazioni dovuto alle ferie. Per questo motivo, il nostro appello si rivolge soprattutto ai giovani, a partire dai 18 anni, invitandoli a compiere un gesto di grande valore che può salvare vite umane. Donare sangue e plasma è un atto semplice, sicuro e gratuito, che richiede solo un po’ di tempo e altruismo. In cambio, si regala un dono prezioso che per molti malati rappresenta la speranza di vita. Diventiamo tutti protagonisti di questo semplice gesto di civiltà: donare sangue e plasma è un dovere di ogni cittadino.”

Emanuele Gatto – Presidente Fidas Puglia

“L’estate è da sempre uno dei momenti più delicati dell’anno: si va in ferie, ci si riposa al mare o in montagna, ma il fabbisogno di sangue non diminuisce. Anzi! Ecco perché, oggi forse più che mai, è importante compiere il nostro gesto di generosità, per aiutare chi ha bisogno di trasfusioni in situazioni di emergenza, per un intervento chirurgico o perché soffre di malattie come la talassemia. Per le Associazioni riunite in FIDAS Puglia è fondamentale lanciare appelli alla donazione, specialmente in occasione della Giornata mondiale del donatore di sangue, che ha un duplice scopo: ringraziare i donatori volontari e non retribuiti; sensibilizzare sulla necessità di donazioni di sangue regolari per garantire la qualità, la sicurezza e la disponibilità di sangue e suoi prodotti per i pazienti bisognosi. Questo nostro impegno quotidiano nella sensibilizzazione e nella promozione del dono del sangue, oggi trova un partner prezioso in Anci Puglia. Dopo la sottoscrizione del Protocollo d’Intesa dello scorso anno, Anci Puglia ha fatto proprie le istanze delle Associazioni e Federazioni di donatori di sangue, impegnandosi attivamente nella diffusione del nostro messaggio solidaristico. E’ necessario continuare a soddisfare il fabbisogno locale (e non solo) di sangue e di plasma, facendo appello all’impegno morale che ci siamo assunti tutti noi donatori. Un impegno che va portato avanti soprattutto nel periodo estivo, anche con il prezioso supporto di Anci Puglia.”