• Novembre 10, 2017
di anci_admin

Notizie

Anci Liguria – Enrico Piccardo, sindaco di Masone (GE), nuovo Coordinatore della Consulta regionale dei Piccoli Comuni

Enrico Piccardo è stato eletto questa mattina nell’ambito dell’Assemblea congress...

Enrico Piccardo è stato eletto questa mattina nell’ambito dell’Assemblea congressuale della Consulta regionale dei Piccoli Comuni, che rappresenta gli interessi dei 181 Comuni liguri sotto i 5.000 abitanti. Nel suo incarico sarà affiancato da Mirko Bardini, Sindaco di Montebruno (GE), in qualità di vice coordinatore vicario, e Pierangelo Olivieri, Sindaco di Calizzano (SV), vice coordinatore.
“È un onore e un onere per me ricoprire un ruolo così importante e rappresentativo all’interno di ANCI Liguria, perché sono tantissimi i fronti su cui intervenire – ha commentato Enrico Piccardo. – Il problema fondamentale dei piccoli Comuni è lo spopolamento e noi dobbiamo fare tutto quello che è in nostro potere per fermare l’emorragia di abitanti verso i grandi centri. Per questo occorre incidere in modo efficace con iniziative e progetti molto concreti, che riducano i costi dei servizi per chi vive nei paesi del nostro entroterra, dai trasporti al gas, rendendoli il più possibile pari a quelli sostenuti da chi vive in città. Solo così possiamo contrastare l’abbandono del territorio e preservare il nostro straordinario capitale umano”.
In Liguria i Comuni sotto i 5000 abitanti sono 184 – 51 in provincia di Genova, 53 in provincia di Savona, 59 in provincia di Imperia e 21 in provincia della Spezia – sul totale di 235 Comuni presenti nella nostra regione. Quello della Consulta Regionale dei Piccoli Comuni è quindi un ruolo strategico, tenendo conto che rappresenta il 78% dei Comuni della Liguria.
Dalle problematiche connesse all’applicazione della riforma degli enti locali alle tematiche relative alle aree interne e allo sviluppo rurale, passando per la tutela di servizi essenziali per i cittadini, quali gli uffici postali, la Consulta Regionale dei Piccoli Comuni si occupa quindi di rappresentare ed esprimere le istanze degli amministratori e delle comunità locali di minore dimensione, che hanno bisogno di un sostegno specifico rispetto alle proprie peculiarità e alle caratteristiche dei territori. (com/ag)