Comune europeo dello Sport

A Motta di Livenza la Commissione Aces per la candidatura 2023 con il vice presidente vicario Pella

Il Comune di Motta di Livenza sta aspettando l’esito della candidatura a “Comune Europeo dello Sport 2023” promossa da Aces (Federazione delle Capitali e delle Città Europee dello Sport). Si spera nell’esito positivo per premiare l’intenso lavoro che ha visto l’amministrazione comunale e tutte le realtà sportive della città impegnate nell’accoglienza del presidente di Aces Europe Gian Francesco Lupatelli e dei commissari Vanni Resta, Roberto Pella, Roberto Agostinetto e Dario Scarpa durante i giorni 17 e 18 del mese di settembre. Durante la visita i commissari hanno potuto valutare la passione e la propensione allo sport della città e dei cittadini dopo aver visitato ogni singolo impianto sportivo e conosciuto le tante associazioni e atleti delle varie discipline sportive. “Per la nostra città – dichiarano il sindaco Alessandro Righi e l’assessore allo sport Francesca Breda – il titolo di Comune europeo dello sport rappresenta un’occasione unica che vogliamo sfruttare per dare visibilità al nostro meraviglioso territorio ed a tutte le nostre realtà sportive. Ringraziamo i commissari per aver visto quanta passione sportiva scorre nelle vene del nostro Comune e di tutti i nostri cittadini. Ci teniamo in particolar modo a fare un caloroso ringraziamento a tutte le società, alle associazioni sportive e a tutti gli atleti e volontari che hanno creduto e condiviso, insieme all’amministrazione comunale, questo progetto. Ringraziamo anche tutte le strutture private e non che ci hanno supportato durante la candidatura e che ci hanno accompagnato durante la visita della giuria. Un grande grazie va anche alla scuola Lepido Rocco, agli insegnanti e a tutti gli studenti che hanno preparato e curato ogni minimo dettaglio per la cena di gala con la commissione, l’amministrazione comunale e tutte le associazioni sportive. Adesso attendiamo il risultato e speriamo di dover prepararci a creare un 2023 come un anno interamente dedicato allo sport. Le opportunità che abbiamo di fronte sono infinite; abbiamo la possibilità di farci conoscere in Europa come una città legata ai valori del rispetto reciproco e dell’integrazione, valori che solo lo sport sa trasmettere. La nostra città ha sempre avuto nel proprio DNA la cultura sportiva, ma adesso possiamo dire di avere una marcia in più per farci conoscere in tutta Italia e non solo. Cercheremo di incentivare il turismo sportivo creando eventi coinvolgenti per le famiglie e per i bambini perché la cultura dello sport e di uno stile di vita sano nasce fin da piccoli ma anche per permettere a questo settore molto penalizzato dall’emergenza sanitaria di ripartire più forte di prima”.
“Un’altra tappa si aggiunge oggi nel percorso della diffusione delle progettualità e degli obiettivi perseguiti da Anci per lo sport. L’estate italiana, così vincente, che abbiamo tutti vissuto ha fatto emergere – ha evidenziato Pella –  ancor di più la rilevanza dei territori nella promozione della pratica sportiva e delle sinergie tra istituzioni, federazioni, associazioni e volontari: un fattore di cui tenere conto in questa fase di ripartenza e di ripresa del Paese”.

 

Articolo presente in: