Accadde oggi

Sindaco Luca Vecchi e Livia Turco: “Nilde Iotti, il suo impegno per la politica e le donne”

“Una donna straordinaria, madre della Repubblica, approdata alla Presidenza della Repubblica a compimento di un percorso di grandissimo valore umano e politico. Il suo impegno antifascista, le battaglie con le donne partigiane, il legame umano, personale e politico come esperienza collettiva delle donne italiane come contributo alla crescita della qualità della democrazia nel nostri Paese”.
Così il sindaco di Reggio Emilia, Luca Vecchi nella Rubrica Anci AccaddeDomani per celebrare il centenario della nascita di Nilde Iotti avvenuta il 10 aprile 1920, prima donna in Italia a ricoprire la carica di Presidente della Camera dei deputati, una tra le figure più autorevoli della nostra Repubblica.
Non si può prescindere – aggiunge il primo cittadino – dal suo contributo alla Costituente, in particolare su temi fondamentali come l’art. 3, e il suo autorevole contributo al Partito comunista che l’ha portata a consacrarsi a essere una tra le donne più importanti e autorevoli della storia della nostra repubblica.
“Quella di oggi – prosegue il sindaco Vecchi – è un’occasione importante per riflettere sulla esperienza italiana e politica di Nilde Iotti e per guardare al futuro del Paese e della democrazia”.

A cento anni dalla sua nascita Livia Turco, Presidente della Fondazione Nilde Iotti ne ripercorre la storia: “una combattente che ha partecipato alla lotta partigiana e che ha sempre dato un grande contributo per il riscatto delle donne e dell’infanzia”.
“Si è sempre impegnata per l’emancipazione femminile: protagonista delle battaglie in difesa dei diritti delle donne e della collocazione femminile nel mondo del lavoro, è stata la prima firmataria di una proposta di legge per istituire una pensione e un’assicurazione per le casalinghe, ha partecipato alla battaglia referendaria in difesa del divorzio, ha promosso la legge sul divorzio e ha promosso la legge sul dritto di famiglia. Successivamente ha infine contribuito a far approvare la legge sull’aborto. Nel 1946 Nille Iotti, fu eletta tra le 21 dell’Assemblea costituente, anni dopo, nel 1979 prima donna nella storia parlamentare italiana, ricoprì la carica di Presidente della Camera “un ruolo – aggiunge la Presidente – che per tredici anni e con tutte le forze politiche visse con grande autorevolezza e spirito di dialogo”.