Decreto sicurezza

Protestano i sindaci: “Provvedimento doveva essere condiviso con noi”

Alla luce delle dichiarazioni odierne di alcuni sindaci di città italiane che gestiscono quotidianamente le presenze di migranti richiedenti asilo, il presidente dell’Anci, Antonio Decaro, dichiara: “È evidente, a questo punto, l’esigenza di istituire un tavolo di confronto in sede ministeriale per definire le modalità di attuazione e i necessari correttivi ad una norma che così com’è non tutela i diritti delle persone. Noi sindaci l’avevamo detto prima che il decreto fosse convertito in legge attraverso la posizione della commissione immigrazione dell’Anci che all’unanimità, indipendentemente dall’appartenenza politica dei singoli componenti, si era espressa negativamente sul provvedimento, ritenendo che i diritti umani non siano negoziabili”.

Articolo presente in: