Rigenerazione urbana

Pontremoli, Castelli: “Necessaria una normativa nazionale per il riutilizzo dei beni abbandonati”

“La cura dei beni comuni e lo sviluppo del paese passa prima di tutto dall’attenzione ai piccoli borghi e dalla valorizzazione del grande patrimonio inutilizzato che abbiamo nei nostri territori”. Ne è convinto il sindaco di Cerignale e coordinatore nazionale Anci dei piccoli Comuni Massimo Castelli intervenuto all’incontro “La rigenerazione nei borghi e nei centri storici minori” in programma a Pontremoli dal 14 al 16 marzo. Obiettivo dell’incontro è quello di permettere lo scambio e la conoscenza di storie ed esperienze di rigenerazione urbana e cura condivisa dei beni comuni nei piccoli Comuni.
“Quello dello spopolamento dei piccoli Comuni – ha precisato Castelli – è un tema che riguarda tutto il Paese con ricadute negative sul tessuto urbano e rurale. Gran parte dei terreni abbandonati potrebbero essere riutilizzati per nuovi investimenti, per creare nuove opportunità per i giovani”.
In proposito Castelli, nel corso del dibattito, ha rimarcato la necessità di prevedere una normativa che consenta di riutilizzare i terreni abbandonati perché diventino pubblici “e non rischino più di essere terre di nessuno”.
“Tema che – ha concluso Castelli – sta entrando nelle coscienze dei cittadini, della società. E su questo Anci ha tracciato una importante linea di non ritorno, perché è a partire dai piccoli borghi che si gioca la partita dello sviluppo e dell’innovazione del Paese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *