Legge di Stabilità - Brivio (Anci Lombardia) ai parlamentari lombardi: "Necessario fidarsi un po' di più dei Comuni"
[01-12-2017]

Anci Lombardia ha incontrato i Parlamentari lombardi per presentare il documento con le osservazioni sulla Legge di stabilità 2018 elaborate dall'Associazione.
Il Presidente Virginio Brivio e il Segretario Generale Pier Attilio Superti si sono confrontati con Elena Carnevali, Gian Mario Fragomeli e Daniela Gasparini del Partito Democratico, Giorgio Girgis Sorial del Movimento 5 Stelle e Marco Rondini della Lega Nord.
Brivio ha evidenziato come negli ultimi anni "abbiamo visto allentamenti su alcune materie e spiragli positivi importanti, ma sono ancora tante le materie su cui soffermarci e chiedere un intervento"; innanzitutto é necessario "fidarsi un po' di più dei Comuni, e far sì che le norme ordinamentali prevedano maggiore autonomia e responsabilità per gli enti locali".  
Il documento di Anci Lombardia, pur ricordando la positività del "superamento del patto di stabilità", evidenzia che nei Comuni rimangono "problemi seri relativi soprattutto alle risorse di parte corrente". Difficile infatti è la situazione creatasi "con il blocco della fiscalità locale, in primo luogo nei Comuni che negli anni scorsi hanno tenuto bassa la tassazione perché potevano contare su entrate straordinarie, e che ora si trovano a corto di risorse, bloccando così la possibilità di spesa". È pertanto doveroso poter tornare a "modulare la leva fiscale in funzione delle esigenze locali".
In Lombardia si fa inoltre sentire il fenomeno dei Comuni incapienti, che versano al Fondo di solidarietà più rispetto di quanto ricevono, ed è forte la richiesta degli Enti, soprattutto di quelli con minore popolazione, di superare gli obblighi di compilazione del Dup. Anci Lombardia ha insistito sulla necessità di reintrodurre il patto territoriale incentivato che permette la messa a disposizione di Province, Città Metropolitane e Comuni di spazi finanziari, e ha proposto delle norme relative al personale per risolvere la questione della scarsa disponibilità di segretari comunali, specie nei comuni piccoli e medio-piccoli, e una norma sull’incentivo al personale per la progettazione senza la quale c’è il rischio del blocco delle attività negli enti.
A queste riflessioni si aggiungono quelle sulla necessità di semplificazione ordinamentale e sulla richiesta di modifica delle norme sull'inconferibilità di incarichi e status di amministratori.
Le proposte di Anci Lombardia si completano con quelle presentate da Anci, e riflettono alcune specificità regionali su determinate tematiche.
I Parlamentari hanno raccolto le osservazioni dell’Associazione, impegnandosi a presentarle ai diversi tavoli di confronto in cui sono impegnati. (com)



Invia questo articolo ad un amico  
Stampa questo articolo  
Condividi questo articolo su Twitter  
Condividi questo articolo su Facebook  
  • www.anci.it
    Testata giornalistica on line
    dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Direttore responsabile
    Danilo MORIERO
    Caposervizio
    Emiliano FALCONIO
    Caposervizio
    Matteo VALERIO
    Redazione
    Federica DEMARIA
    Filippo LA PORTA
    Giuseppe PELLICANÒ

    Segretaria di Redazione
    Daniela ROTONI
    Web designer e Webmaster
    Francesco BOTTERI
    Editore
    Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Via dei Prefetti, 46 - 00186 Roma
    C.F. 80118510587
    redazionesito@anci.it
    Tel. 06/68009204 - Fax 06/68009216

    Iscrizione ROC: n. 17363 del 03.04.2003
    Provider: BT Italia, via Mario Bianchini, 15 - 00142 Roma
    Redazione e contatti
ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
Contatti: Tel. 06680091 - Fax 0668009202
Gestione tecnica a cura di Ancitel S.p.A