Libri - Avvistamenti, Anche la vite è una pianta addomesticata!
[30-10-2017]

A Gaetano Di Pasquale, che si occupa di storia del paesaggio (insegno tecnologia del legno..)       all'Università Federico II  di Napoli, abbiamo rivolto tre domande:
Qual è il modo migliore per rappresentare un paesaggio rurale? La scrittura? La fotografia? Il cinema documentario?
L’immagine è certamente lo strumento migliore, non so, forse il cinema documentario consente un migliore sviluppo di un racconto che per essere completo dovrebbe comprendere persone, strumenti, piante e forme del territorio.
Concentriamoci su Montalcino, una realtà che hai studiato a lungo. Si è passati, nel tempo,   da una coltura promiscua e diversificata (alla base del successo del Brunello) a una coltura più specializzata. Nel 1950 capi e oliveti con poca vigna e  poco bosco  e poi nel 1975 aumento del bosco a causa dell’abbandono delle campagne, infine l’esplosione  più recente del Brunello, con tantissimo vigneto e poco bosco.  Ma va recuperato l’antico paesaggio?
No, il paesaggio attuale riflette quello che oggi è un territorio coltivato e produttivo, in questo caso le grandi distese di vigneti che producono uno dei vini italiani più noti al mondo; penso però che conoscere le origini, sottolineerei contadine e ricche di biodiversità, di questa ricchezza attuale sia un valore ed un patrimonio che tutti dovrebbero conoscere.
Lei ha osservato che la vite è una pianta selvatica, un rampicante, che noi abbiamo poi addomesticato, in tutto il Mediterraneo. Allora davvero niente è "naturale", originario,  e ogni "valore" è un valore umano?
Si può dire che tutto Vecchio Continente, ed il Mediterraneo a maggior ragione, siano stati modellati paesaggi e selezionate piante da una attività umana che dura da almeno 3000 anni; quindi oggi non esiste più da tempo qualcosa che possiamo definire “vergine” o “incontaminato”. La vite selvatica è una liana che vive nei boschi; l’uomo ha addomesticato la vite portandola fuori dal bosco inventandosi il vigneto. E creando in 3 o 4000 anni centinaia di varietà di vite domestica che oggi stanno alla base del patrimonio viti-vinicolo italiano. La memoria della vite-liana è rimasta nei paesaggi tradizionali delle vigne dell’Italia centrale, dove la vite si allevava “maritandola” ad un albero che doveva funzionare da sostegno come l’albero del bosco per la vite selvatica … (fl)
 
 



Invia questo articolo ad un amico  
Stampa questo articolo  
Condividi questo articolo su Twitter  
Condividi questo articolo su Facebook  
  • www.anci.it
    Testata giornalistica on line
    dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Direttore responsabile
    Danilo MORIERO
    Caposervizio
    Emiliano FALCONIO
    Redazione
    Federica DEMARIA
    Filippo LA PORTA
    Giuseppe PELLICANÒ

    Segretaria di Redazione
    Daniela ROTONI
    Web designer e Webmaster
    Francesco BOTTERI
    Editore
    Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Via dei Prefetti, 46 - 00186 Roma
    C.F. 80118510587
    sito@anci.it
    stampa@anci.it
    Tel. 06/68009204/231 - Fax 06/68009216

    Iscrizione ROC: n. 17363 del 03.04.2003
    Provider: BT Italia, via Mario Bianchini, 15 - 00142 Roma
    Redazione e contatti
ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
Contatti: Tel. 06680091 - Fax 0668009202
Gestione tecnica a cura di Ancitel S.p.A