Libri - Avvistamenti, Anche la vite è una pianta addomesticata!
[30-10-2017]

A Gaetano Di Pasquale, che si occupa di storia del paesaggio (insegno tecnologia del legno..)       all'Università Federico II  di Napoli, abbiamo rivolto tre domande:
Qual è il modo migliore per rappresentare un paesaggio rurale? La scrittura? La fotografia? Il cinema documentario?
L’immagine è certamente lo strumento migliore, non so, forse il cinema documentario consente un migliore sviluppo di un racconto che per essere completo dovrebbe comprendere persone, strumenti, piante e forme del territorio.
Concentriamoci su Montalcino, una realtà che hai studiato a lungo. Si è passati, nel tempo,   da una coltura promiscua e diversificata (alla base del successo del Brunello) a una coltura più specializzata. Nel 1950 capi e oliveti con poca vigna e  poco bosco  e poi nel 1975 aumento del bosco a causa dell’abbandono delle campagne, infine l’esplosione  più recente del Brunello, con tantissimo vigneto e poco bosco.  Ma va recuperato l’antico paesaggio?
No, il paesaggio attuale riflette quello che oggi è un territorio coltivato e produttivo, in questo caso le grandi distese di vigneti che producono uno dei vini italiani più noti al mondo; penso però che conoscere le origini, sottolineerei contadine e ricche di biodiversità, di questa ricchezza attuale sia un valore ed un patrimonio che tutti dovrebbero conoscere.
Lei ha osservato che la vite è una pianta selvatica, un rampicante, che noi abbiamo poi addomesticato, in tutto il Mediterraneo. Allora davvero niente è "naturale", originario,  e ogni "valore" è un valore umano?
Si può dire che tutto Vecchio Continente, ed il Mediterraneo a maggior ragione, siano stati modellati paesaggi e selezionate piante da una attività umana che dura da almeno 3000 anni; quindi oggi non esiste più da tempo qualcosa che possiamo definire “vergine” o “incontaminato”. La vite selvatica è una liana che vive nei boschi; l’uomo ha addomesticato la vite portandola fuori dal bosco inventandosi il vigneto. E creando in 3 o 4000 anni centinaia di varietà di vite domestica che oggi stanno alla base del patrimonio viti-vinicolo italiano. La memoria della vite-liana è rimasta nei paesaggi tradizionali delle vigne dell’Italia centrale, dove la vite si allevava “maritandola” ad un albero che doveva funzionare da sostegno come l’albero del bosco per la vite selvatica … (fl)
 
 



Invia questo articolo ad un amico  
Stampa questo articolo  
Condividi questo articolo su Twitter  
Condividi questo articolo su Facebook  
  • www.anci.it
    Testata giornalistica on line
    dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Direttore responsabile
    Danilo MORIERO
    Caposervizio
    Emiliano FALCONIO
    Caposervizio
    Matteo VALERIO
    Redazione
    Federica DEMARIA
    Filippo LA PORTA
    Giuseppe PELLICANÒ

    Segretaria di Redazione
    Daniela ROTONI
    Web designer e Webmaster
    Francesco BOTTERI
    Editore
    Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Via dei Prefetti, 46 - 00186 Roma
    C.F. 80118510587
    redazionesito@anci.it
    Tel. 06/68009204 - Fax 06/68009216

    Iscrizione ROC: n. 17363 del 03.04.2003
    Provider: BT Italia, via Mario Bianchini, 15 - 00142 Roma
    Redazione e contatti
ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
Contatti: Tel. 06680091 - Fax 0668009202
Gestione tecnica a cura di Ancitel S.p.A