Valorizzazione patrimonio - San Gimignano, via al bando per il complesso di San Domenico
[06-03-2018]

Da convento prima e carcere poi, a luogo aperto alla fruizione pubblica. Un'operazione dal forte valore simbolico e frutto di un grande lavoro di squadra. E una grande opportunita' di investimento per tutto il territorio, per la Toscana e per l'Italia. Con queste parole la vicepresidente e assessore alla cultura Monica Barni ha presentato il bando di gara che permettera' di realizzare il recupero e la valorizzazione dell'ex convento ed ex carcere di San Domenico, di proprieta' del Comune di San Gimignano e della Regione Toscana. La procedura di gara pubblica di concessione in project financing per la selezione del partner privato e' pubblicata sulla Gazzetta ufficiale europea. Il termine per la presentazione delle offerte e' il 31 Maggio 2018. Primo caso in Toscana di un bene che viene immesso sul mercato per una valorizzazione anche del territorio, l'operazione e' stata illustrata stamani in sala Pegaso di Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze, dalla vicepresidente Barni insieme al sindaco di San Gimignano Giacomo Bassi e al direttore dell'Agenzia del Demanio per Toscana e Umbria, Giuseppe Pisciotta.
"Questo accordo di valorizzazione, grazie a una procedura di federalismo demaniale - ha detto Barni - ci ha visto impegnati per anni, dal 2011. Ma questo lungo lavoro ci ha permesso di arrivare oggi a presentare un progetto di recupero e valorizzazione di un bene straordinario che si trova nel centro di una citta' altrettanto straordinaria e che sara' riaperto dopo mille anni alla pubblica fruizione". Un'operazione innanzitutto dal forte valore simbolico, perche' questo complesso che e' stato prima un convento e poi un carcere, adesso si trasforma da luogo chiuso per pochi a luogo aperto al pubblico, venendo restituito alla fruizione attraverso temi prettamente culturali. Ma un'operazione anche frutto di grande lavoro di squadra della regione Toscana, del Comune di San Gimignano, delll'Agenzia del Demanio, della Soprintendenza di Siena Grosseto e Arezzo e del Mibac, che ci ha fatto arrivare a un progetto pronto, senza piu' quelle trafile di autorizzazioni che molto spesso possono disincentivare un privato a investire. Siamo quindi molto soddisfatti e convinti di presentare una grande opportunita' di investimento per chi ha interesse ma anche per tutto il territorio, la Toscana e l'Italia. Soddisfatto anche il sindaco del Comune di San Gimignano, che ringraziando tutti i soggetti che hanno supportato il Comune, ha ricordato come questa operazione possa cambiare davvero la citta', implementare l'offerta culturale e turistica e diventare un'esperienza che puo' assurgere a modello replicabile. (com/gp)



Invia questo articolo ad un amico  
Stampa questo articolo  
Condividi questo articolo su Twitter  
Condividi questo articolo su Facebook  
  • www.anci.it
    Testata giornalistica on line
    dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Direttore responsabile
    Danilo MORIERO
    Caposervizio
    Emiliano FALCONIO
    Caposervizio
    Matteo VALERIO
    Redazione
    Federica DEMARIA
    Filippo LA PORTA
    Giuseppe PELLICANÒ

    Segretaria di Redazione
    Daniela ROTONI
    Web designer e Webmaster
    Francesco BOTTERI
    Editore
    Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Via dei Prefetti, 46 - 00186 Roma
    C.F. 80118510587
    redazionesito@anci.it
    Tel. 06/68009204 - Fax 06/68009216

    Iscrizione ROC: n. 17363 del 03.04.2003
    Provider: BT Italia, via Mario Bianchini, 15 - 00142 Roma
    Redazione e contatti
ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
Contatti: Tel. 06680091 - Fax 0668009202
Gestione tecnica a cura di Ancitel S.p.A