Politiche sviluppo - Falcomatà: “Piano riequilibrio spesa per investimenti, politiche aggiuntive solo per colmare divari territoriali”
[17-11-2017]

“Serve un serio piano di riequilibrio della spesa e degli investimenti che consenta alle politiche ordinarie di rispondere al criterio di equità tra Nord e Sud del paese, ed alle politiche aggiuntive di essere tali, rispondendo alla previsione di cui al comma 5 dell’articolo 119 della Costituzione e di colmare il divario di sviluppo tra Nord e Sud”. A chiederlo è stato il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà che, in qualità di delegato Anci al Mezzogiorno ed alle politiche per la Coesione territoriale, ha chiuso il convegno di presentazione della relazione 2017 dei conti pubblici territoriali, svoltasi nella sede nazionale dell’Associazione.
Commentando i dati del rapporto, il sindaco reggino ha evidenziato come il “report ci consegna la necessità di una profonda riflessione sulla spesa in conto capitale e su come viene finanziata per il Mezzogiorno”. Nello specifico, secondo il delegato Anci, emerge chiaro che quelle che dovrebbero essere spese aggiuntive ovvero relative ai fondi Fse, strutturali ed alle politiche comunitarie sono di fatto politiche sostitutive di quelle ordinarie”.
Una situazione siffatta, “mortifica il percorso di crescita e di sviluppo socio- economico che deve avvenire nel Mezzogiorno. Tutto questo anche alla luce “del fatto che dagli investimenti realizzati restano fuori settori nevralgici per molte città, come la sanità, le politiche della mobilità e dei trasporti, per non parlare dei servizi sociali e degli asili nido”, ha aggiunto Falcomatà facendo cenno ad una settore che la sua amministrazione, sotto piano di rientro, è riuscito a rilanciare solo attingendo alle risorse Pac.
In definitiva, di fronte al rischio che il crollo degli investimenti associato ai mali strutturali del Mezzogiorno si traduca in un isolamento delle Regioni del Sud, appare non più rinviabile l’adozione di un criterio che tenga conto non solo della popolazione ma anche dei territori. “Come coordinamento Anci delle Città metropolitane – ha sottolineato il delegato al Mezzogiorno - stiamo lavorando per portare avanti questa linea. L’ incontro di oggi è utile anche per cercare di introdurre questa riflessione all’interno della legge di stabilità, provando a a riequilibrare una situazione squilibrata totalmente nei confronti del centro nord”, ha concluso Falcomatà. (gp)



Invia questo articolo ad un amico  
Stampa questo articolo  
Condividi questo articolo su Twitter  
Condividi questo articolo su Facebook  
  • www.anci.it
    Testata giornalistica on line
    dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Direttore responsabile
    Danilo MORIERO
    Caposervizio
    Emiliano FALCONIO
    Redazione
    Federica DEMARIA
    Filippo LA PORTA
    Giuseppe PELLICANÒ

    Segretaria di Redazione
    Daniela ROTONI
    Web designer e Webmaster
    Francesco BOTTERI
    Editore
    Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Via dei Prefetti, 46 - 00186 Roma
    C.F. 80118510587
    sito@anci.it
    stampa@anci.it
    Tel. 06/68009204/231 - Fax 06/68009216

    Iscrizione ROC: n. 17363 del 03.04.2003
    Provider: BT Italia, via Mario Bianchini, 15 - 00142 Roma
    Redazione e contatti
ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
Contatti: Tel. 06680091 - Fax 0668009202
Gestione tecnica a cura di Ancitel S.p.A