Anci: “Impegno a rafforzare lo Sprar come sistema sostenibile, modello di eccellenza di integrazione”
[20-02-2018]
Immigrazione

sprar pp.jpg
La sala gremita di operatori Sprar e di rappresentanti delle amministrazioni locali, oltre 40 interventi, più di 50 interviste e centinaia di messaggi ricevuti al numero di telefono dedicato. Sono alcuni numeri che possono solo in parte restituire l’atmosfera vibrante e positiva che si è respirata in questi due giorni all’Auditorium Parco della Musica dove si è tenuta la Prima Conferenza Nazionale delle operatrici e degli operatori Sprar “L’accoglienza che verrà: i volti, le voci, le storie”. (fotogallery)
Quattro temi sono stati al centro del dibattito e hanno interessato la figura dell’operatore dello Sprar nella sua evoluzione e nel futuro di una professione sempre più specializzata e che chiede di essere sistematizzata perché non può e non deve essere lasciata al mero volontariato.
“Sprar non può essere solo e sempre un atto di buona volontà”; “L’operatore Sprar è un ponte tra la comunità locale e il progetto di accoglienza” è “un costruttore di connessioni”; “I comuni devono metterci la faccia ed avere l’orgoglio di portare avanti un progetto di accoglienza”. Sono solo alcune delle suggestioni emerse dagli operatori che quotidianamente accolgono, collaborano e cercano di aiutare chi arriva nel nostro Paese per necessità e che merita un’opportunità.
Basta poco e quel poco è stato raccontato nella giornata conclusiva della Conferenza proprio dal presidente dell’Anci, Antonio Decaro che ricordando la prima ondata migratoria del 1991 a Bari ha raccontato la reazione dei suoi concittadini. Più di 20mila albanesi attratti sulle nostre coste dalla speranza di un futuro migliore e dalla ricerca di una nuova dignità. “I baresi non hanno fatto barricate – ha detto - ma hanno aperto le porte del cuore e qualcuno anche quelle di casa e dopo ventisei anni quella cifra caratterizza ancora i miei concittadini e molti italiani”.
Fare rete, coinvolgendo la cittadinanza in un ottica di integrazione e di miglioramento reciproco e solidarietà verso i nuovi arrivati. Lo spirito dell’Anci, ha raccontato il segretario generale Veronica Nicotra, è stato rivolto in questi anni a rafforzare lo Sprar come sistema sostenibile, una possibilità diventata una realtà tangibile, un modello di eccellenza di integrazione e protezione dei richiedenti asilo che fuori dalle logiche della prima accoglienza lavora per l’aggregazione a beneficio della comunità e del territorio.
Questo impegno deve essere “collettivo”, ha detto Nicotra che ha stimolato la platea invitandola e invitando anche le Istituzioni a “migliorare la nostra capacità di raccontare il bello di ciò che facciamo, e la capacità di fare rete e lavorando per aiutare chi fugge e ha bisogno”. 




Invia questo articolo ad un amico  
Stampa questo articolo  
Condividi questo articolo su Twitter  
Condividi questo articolo su Facebook  
  • www.anci.it
    Testata giornalistica on line
    dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Direttore responsabile
    Danilo MORIERO
    Caposervizio
    Emiliano FALCONIO
    Redazione
    Federica DEMARIA
    Filippo LA PORTA
    Giuseppe PELLICANÒ

    Segretaria di Redazione
    Daniela ROTONI
    Web designer e Webmaster
    Francesco BOTTERI
    Editore
    Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Via dei Prefetti, 46 - 00186 Roma
    C.F. 80118510587
    sito@anci.it
    stampa@anci.it
    Tel. 06/68009204/231 - Fax 06/68009216

    Iscrizione ROC: n. 17363 del 03.04.2003
    Provider: BT Italia, via Mario Bianchini, 15 - 00142 Roma
    Redazione e contatti
ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
Contatti: Tel. 06680091 - Fax 0668009202
Gestione tecnica a cura di Ancitel S.p.A