Il presidente Anci: "Associazionismo è valore aggiunto se normativa è efficace"
[10-07-2015]
#PiccoliComuni2015

AGFEDITORIAL_1555305_pr-3.jpg.pagespeed.ce.eEEkuXICnq.jpg
CAGLIARI - “Dimensionare l’entità comunale alle dimensioni di scala dei problemi che ci troviamo ad affrontare ogni giorno. Questo non vuol dire mettere in discussione i Comuni e la loro identità ma metterli nelle condizioni di rispondere alle esigenze e alle aspettative dei cittadini e delle comunità”. Così il presidente dell’Anci e sindaco di Torino, Piero Fassino, intervenuto ai lavori della XV Conferenza nazionale dei piccoli Comuni che si svolge oggi al Teatro Massimo di Cagliari (leggi gli interventi e scarica il Manifesto dei piccoli Comuni illustrato dal coordinatore piccoli Comuni Massimo Castelli e approvato all'unanimità dai sindaci).
“Per difendere il ruolo storico degli ottomila Comuni italiani – ha detto Fassino – dobbiamo capire che la demografia conta. Dobbiamo perciò chiedere al governo di rivedere la normativa sull’associazionismo e quanto ruota intorno ai processi di unione e fusione tra Comuni che così come sono oggi non funzionano e sono insufficienti. La legislazione è debole, non prevedendo dimensioni d’ambito e soprattutto meccanismi premiali. Unirsi deve portare un valore aggiunto, non togliere qualcosa agli enti che decidono di mettersi insieme”. Fassino ha quindi annunciato che “nella prossima legge di stabilità porteremo la nostra proposta sull’associazionismo” proposta che nei lavori di Cagliari “troverà i suoi punti cardine”.
Il presidente Anci ha poi rimarcato come “i problemi che toccano i piccoli Comuni si inseriscono in un quadro di riforme che coinvolge tutti i Comuni. E’ quindi importante che Anci continui la battaglia per avere un quadro normativo migliore di quello vigente e i primi passi sono arrivati dall’ultima legge di stabilità e dal decreto enti locali ora in conversione alle Camere, che qualche piccolo miglioramento hanno portato. Certo – ha aggiunto – proprio nel passaggio di conversione, chiederemo ulteriori miglioramento anche per i piccoli Comuni, penso alla questione dell’Imu agricola, ad una quota risorse che riduca per i piccoli enti il peso dei tagli o lo sblocco degli avanzi di bilancio che determinerebbe più flessibilità finanziaria”.
“Veniamo da anni di sofferenza – ha continuato Fassino – e capisco bene lo stato d’animo e le difficoltà che oggi qui denunciate. Le fatiche che tutti i sindaci patiscono da anni sono le stesse anche se in un piccolo municipio pesano di più. Lo ripeto anche in questa sede: serve una stagione nuova, un patto con il governo per governare insieme. Non vogliamo arroccarci solo nella denuncia ma ci mettano nelle condizioni di poter rispondere ai cittadini”. Come? “Partendo dall’autonomia: finanziaria, normativa e istituzionale. Noi vogliamo fare la nostra parte nel risanamento dei conti pubblici ma non può dirci come fare chi non ha mai visto e non conosce come si amministra un Comune”.
Le conclusioni il presidente dell’Anci le ha dedicate alla local tax, che, secondo quanto annunciato dal governo, partirà nel 2016. “Siamo, come sempre, pronti a discuterne ma due cose devono essere chiare e non ci stancheremo mai di ricordarle: la local tax non deve portare ad un minor gettito per i Comuni e deve essere un tributo esclusivo con la titolarità in capo ai Comuni stessi, senza compartecipazione da parte dello Stato”. (ef)



Invia questo articolo ad un amico  
Stampa questo articolo  
Condividi questo articolo su Twitter  
Condividi questo articolo su Facebook  
  • www.anci.it
    Testata giornalistica on line
    dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Direttore responsabile
    Danilo MORIERO
    Caposervizio
    Emiliano FALCONIO
    Redazione
    Federica DEMARIA
    Giuseppe PELLICANÒ

    Segretaria di Redazione
    Daniela ROTONI
    Web designer e Webmaster
    Francesco BOTTERI
    Editore
    Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Via dei Prefetti, 46 - 00186 Roma
    C.F. 80118510587
    redazionesito@anci.it
    Tel. 06/68009204 - Fax 06/68009216

    Iscrizione ROC: n. 17363 del 03.04.2003
    Provider: BT Italia, via Mario Bianchini, 15 - 00142 Roma
    Redazione e contatti
ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
Contatti: Tel. 06680091 - Fax 0668009202
Gestione tecnica a cura di Ancitel S.p.A