Edilizia scolastica - Giachi a ‘La Radio ne parla’: “Serve approccio organico, coi tagli difficile applicazione integrale norme”
[11-01-2018]

“All’interno dell’Osservatorio per l’Edilizia scolastica, abbiamo più volte sottolineato l’esigenza di intervenire in modo strutturato sul tema della sicurezza partendo dai dati ufficiali dell’anagrafe nazionale. Ma va ricordato che la norma sulle edificazioni del 2008 è composta da 402 pagine e se un edificio non rispetta una di queste norme non è detto che sia pericoloso”. Lo ha affermato Cristina Giachi, vice sindaca di Firenze e presidente della Commissione Istruzione dell’Anci, intervenendo a 'La Radio ne Parla' su Radio uno sulla recente sentenza della Cassazione secondo cui i sindaci non devono opporsi al sequestro delle scuole, ad ipotetico rischio crollo, anche se per un "minimo scostamento dai parametri" di edificazione.
Giachi ha evidenziato come la situazione sia complessa, con un “quadro normativo articolato e difficile perché molti edifici sono stati costruiti prima delle leggi antisismiche, senza i parametri tecnici previsti dalle norme”. Gli stessi edifici sono “assoggettati alla verifiche obbligatorie sulla vulnerabilità da parte di enti locali ma che assorbono molte risorse di finanziamenti e di personale e questo – ha ribadito l’esponente Anci – con le difficoltà legate ai tagli di personale e blocco del turnover ha generato difficoltà oggettive.
Secondo la vice sindaca di Firenze bisogna distinguere tra l’azione del giudice che “applica in modo formalistico la legge sequestrando gli edifici che si discostano dai parametri”, da quella, degli enti locali che “se chiudono un istituto si prendono la responsabilità di lasciare fuori i ragazzi negando così il loro diritto allo studio”.
In ogni caso la presidente della Commissione Istruzione auspica che continui l’approccio integrato ed organico al problema sicurezza portato avanti a livello nazionale dall’Osservatorio. “La stessa Finanziaria ha fissato delle precise priorità sia sulle regole antincendio che su quelle antisismiche stanziando fondi importanti persino nella programmazione delle attività ordinarie”, ha concluso Giachi. (gp)



Invia questo articolo ad un amico  
Stampa questo articolo  
Condividi questo articolo su Twitter  
Condividi questo articolo su Facebook  
  • www.anci.it
    Testata giornalistica on line
    dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Direttore responsabile
    Danilo MORIERO
    Caposervizio
    Emiliano FALCONIO
    Redazione
    Federica DEMARIA
    Filippo LA PORTA
    Giuseppe PELLICANÒ

    Segretaria di Redazione
    Daniela ROTONI
    Web designer e Webmaster
    Francesco BOTTERI
    Editore
    Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Via dei Prefetti, 46 - 00186 Roma
    C.F. 80118510587
    sito@anci.it
    stampa@anci.it
    Tel. 06/68009204/231 - Fax 06/68009216

    Iscrizione ROC: n. 17363 del 03.04.2003
    Provider: BT Italia, via Mario Bianchini, 15 - 00142 Roma
    Redazione e contatti
ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
Contatti: Tel. 06680091 - Fax 0668009202
Gestione tecnica a cura di Ancitel S.p.A