Raccolta fondi per la ricostruzione
[31-08-2015]

 
 
Raccolta fondi per la ricostruzione
 
A seguito degli eventi sismici che si sono susseguiti nel centro Italia a partire dal 24 agosto scorso, l’ANCI ha avviato una raccolta fondi per la ricostruzione; il cc è ancora possibile  effettuare donazioni sul cc bancario dedicato ad Emergenza Sisma Centro Italia,  intestato ad ANCI, IBAN  IT27A0623003202000056748129 – Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza.
Sono stati designati garanti della destinazione e del trasparente utilizzo dei fondi raccolti l’allora presidente dell’Anci Piero Fassino, il vicepresidente e sindaco di Parma Federico Pizzarotti, il delegato alla Protezione civile e sindaco di Siena Bruno Valentini e il sindaco di Ascoli Piceno Guido Castelli.
 L’Associazione ha anche invitato i primi cittadini italiani a convocare i Consigli comunali per approvare l’Ordine del Giorno solidarietà ai Comuni terremotati del Centro Italia che prevede:
- l’impegno del Comune  a devolvere i gettoni di presenza della seduta in favore dei comuni colpiti dal sisma attraverso il Fondo ANCI dedicato;
- il rifinanziamento del fondo per la prevenzione del rischio sismico di cui all’articolo 11 della legge n. 77 del 24 giugno 2009;
- la richiesta alla Regioni di destinare l’1% del bilancio regionale alle attività di prevenzione del rischio da evento calamitoso;
- l’adesione del Comune alla proposta dell’ANCI di istituire la “Giornata nazionale della protezione civile”;
- l’impegno del Comune a fissare entro 60 giorni una esercitazione in attuazione della pianificazione comunale di emergenza;
- l’impegno del Comune ad adottare i principi della resilienza aderendo alla Campagna promossa da ANCI   sulle Città resilienti;
- l’impegno da parte dei Comuni a coinvolgere la comunità locale sulle problematiche legate ai rischi presenti sul territorio comunale e sulle misure da adottare per prevenirli.
 
Alle istituzioni  si sono aggiunti numerosi cittadini ed enti privati che hanno voluto dare il proprio contributo tramite il canale di solidarietà aperto dall’Anci.
 
 Il segretario generale dell’ANCI Veronica Nicotra ha chiesto ai dipendenti, che si sono mostrati subito disponibili, di devolvere a favore delle popolazioni colpite l’ammontare equivalente ad una giornata lavorativa. Stessa iniziativa e stessa proposta è stata allargata agli amministratori di tutti i Comuni. Nel caso dei Comuni, abbiamo inoltre invitato a devolvere anche parte degli incassi dei musei civici ai conti correnti attivi.
 
Ad oggi l’ANCI ha potuto raccogliere oltre 800mila euro grazie al contributo di 369 Comuni ed Enti pubblici, 1.182 privati cittadini e 99 Associazioni.
 
 
 
ENTE
 
 IMPORTO
 
N DONATORI
 
DONAZIONE MEDIA
COMUNI ENTI PUBBLICI
 €    499.494,18
369
 €                      1.353,64
ASSOCIAZIONI
 €    126.192,86
99
 €                      1.274,68
PRIVATI
 €    249.050,47
1182
 €                         210,70
 
 dipendenti anci
 €        8.293,34
 
 
 
totale
 
 €  883.030,85
 
1650
 
 
 
 
 
 
Il Comitato dei Garanti ha quindi ritenuto di destinare all’intervento in emergenza il 10% delle donazioni sulla base delle richieste registrate dai Comuni colpiti, ad esempio con acquisto o noleggio di strutture mobili da destinare ad uso ufficio per i Comuni  con municipi non agibili o diroccati, acquisto PC  e altre attrezzature necessarie per le attività amministrative dei Comuni. Ai Comuni colpiti che ne avevano fatto richiesta  sono stati assegnati dall’ANCI gli importi necessari, fino ad un massimo di euro 10.000 per intervento, per un totale di 128.677,74 euro. I Comuni stanno procedendo direttamente all’acquisto dei beni e attrezzature  sulla base dei preventivi sottoposti ad ANCI  e saranno rimborsati alla presentazione della documentazione fiscale inerente gli acquisti. Elenco interventi finanziati
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
La rimanente quota dei fondi, pari a 758.353,11 euro è destinata ad una campagna di crowdfunding a favore dei Comuni colpiti, che permetterà di moltiplicare il capitale disponibile assicurando la massima trasparenza nell’individuazione dei progetti. Il bando, in via di finalizzazione,  sarà strutturato prevedendo un massimale (soglia) per tipologia di progetti, quali piccoli e medi interventi di ripristino, restauro beni culturali ed ecclesiastici, forniture, borse di studio, start up di impresa.
 
 



Invia questo articolo ad un amico  
Stampa questo articolo  
Condividi questo articolo su Twitter  
Condividi questo articolo su Facebook  
  • www.anci.it
    Testata giornalistica on line
    dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Direttore responsabile
    Danilo MORIERO
    Caposervizio
    Emiliano FALCONIO
    Vicecaposervizio
    Matteo VALERIO
    Redazione
    Federica DEMARIA
    Filippo LA PORTA
    Giuseppe PELLICANÒ

    Segretaria di Redazione
    Daniela ROTONI
    Web designer e Webmaster
    Francesco BOTTERI
    Editore
    Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Via dei Prefetti, 46 - 00186 Roma
    C.F. 80118510587
    redazionesito@anci.it
    Tel. 06/68009204 - Fax 06/68009216

    Iscrizione ROC: n. 17363 del 03.04.2003
    Provider: BT Italia, via Mario Bianchini, 15 - 00142 Roma
    Redazione e contatti
ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
Contatti: Tel. 06680091 - Fax 0668009202
Gestione tecnica a cura di Ancitel S.p.A