‘Milleproroghe’, accolto emendamento Anci su gestioni associate. Pella: “Bene , ora avviare riordino governance”
[11-09-2018]
Piccoli Comuni

lane-566720_960_720.jpg
“Esprimo soddisfazione per l’inserimento nel Milleproroghe dell’emendamento Anci per i piccoli Comuni che proroga, tra l’altro, al 30 giugno 2019 l’obbligo della gestione associata delle funzioni fondamentali”. Così il vicepresidente vicario Anci e Sindaco di Valdengo, Roberto Pella, commenta il via libera delle Commissioni riunite Bilancio e Affari Costituzionali della Camera all’emendamento Anci a sostegno dei piccoli Comuni di cui lo stesso Pella è stato promotore e primo firmatario.
“Un emendamento di buon senso che speriamo permetterà di avviare un tavolo tecnico-politico con il governo finalizzato al riordino della governance dei piccoli Comuni e alla semplificazione amministrativa e contabile  e di dare concretezza all’Agenda Controesodo di Anci. Un emendamento – spiega ancora Pella – condiviso da tutti i gruppi parlamentari di opposizione perché tratta argomenti significativi per la vita quotidiana dei piccoli Comuni. Viene infatti rinviata – rimarca il vicepresidente Anci – l’entrata in vigore dell’obbligo della gestione associata, che auspichiamo porti al riordino della governance dei comuni di minore dimensione demografica, nonché a dare attuazione  ai provvedimenti contro lo spopolamento. Ringraziamo il Governo e le forze politiche rappresentate nelle commissioni per aver accolto la nostra proposta. Chiediamo ora l’impegno – conclude Pella – a proseguire questo cammino, per dare autonomia ai sindaci nell’organizzazione delle proprie funzioni, rilanciando allo stesso tempo un programma a favore delle unioni di Comuni”. 
Soddisfazione esprime anche il coordinatore nazionale piccoli Comuni Anci, Massimo Castelli.  “Un segnale atteso da tempo dai nostri piccoli Comuni - dice - spesso letteralmente “ingessati” per dover rispondere a numerose e ripetitive richieste di altre PA per obblighi e adempimenti burocratici che frequentemente hanno una scarsissima utilità concreta. Ma ciò che ci amareggia maggiormente è la conseguente difficoltà di erogare e fornire i servizi di qualità alle nostre popolazioni, considerando l’esiguità del personale di cui siamo in gran parte ormai dotati e il loro crescente impegno a rispondere a richieste burocratiche, questionari di ogni tipo ed adempimenti sempre più gravosi”.



Invia questo articolo ad un amico  
Stampa questo articolo  
Condividi questo articolo su Twitter  
Condividi questo articolo su Facebook  
  • www.anci.it
    Testata giornalistica on line
    dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Direttore responsabile
    Danilo MORIERO
    Caposervizio
    Emiliano FALCONIO
    Redazione
    Federica DEMARIA
    Filippo LA PORTA
    Giuseppe PELLICANÒ

    Segretaria di Redazione
    Daniela ROTONI
    Web designer e Webmaster
    Francesco BOTTERI
    Editore
    Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Via dei Prefetti, 46 - 00186 Roma
    C.F. 80118510587
    sito@anci.it
    stampa@anci.it
    Tel. 06/68009204/231 - Fax 06/68009216

    Iscrizione ROC: n. 17363 del 03.04.2003
    Provider: BT Italia, via Mario Bianchini, 15 - 00142 Roma
    Redazione e contatti
ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
Contatti: Tel. 06680091 - Fax 0668009202
Gestione tecnica a cura di Ancitel S.p.A