Presidente Anci ai sindaci libici: “Gemelliamoci per consolidare democrazia e combattere traffico di esseri umani”
[13-07-2017]
Migranti

decaro libia1.jpg
“Da sindaci ci proponiamo di sostenere le municipalità libiche alle prese con la gestione dell’emergenza del traffico di esseri umani e in un contesto generale di non facile transizione verso un sistema democratico”. Lo ha detto il  presidente dell’Anci, Antonio Decaro, durante il vertice a Tripoli con tredici sindaci libici, provenienti dalle regioni più colpite dalle attività migratorie illegali. Una missione condotta dal ministro dell’Interno italiano Marco Minniti per definire i progetti di intervento dell’Italia.
“Crediamo – ha sottolineato Decaro – che un gemellaggio tra città italiane e libiche che  sviluppi la sua azione nell’ambito delle misure relative al fenomeno migratorio ma anche nel processo più ampio di ‘institutional builiding’ della Libia possa servire allo scopo. L’Anci già collabora con il governo italiano nelle politiche sostenibili di accoglienza e integrazione”, precisando che affinché “gli accordi di cooperazione in materia di contrasto al traffico illecito di vite umane possano funzionare, è necessario ricostruire la Libia e il suo assetto istituzionale”.
“L’Associazione dei Comuni – ha aggiunto – ha instaurato da tempo rapporti con i referenti della rappresentanza di questo paese a Bruxelles e oggi vogliamo farci carico di una campagna di supporto all’attività amministrativa e istituzionale delle municipalità libiche”.
Decaro ha quindi illustrato davanti ai sindaci il programma Municipalities aid. “E’ un programma di assistenza – ha detto – che prevede che grandi città italiane forniscano strumenti per l’ammodernamento dell’apparato amministrativo e della gestione delle istituzioni libiche locali. L’Anci chiederà prima di tutto alle Città metropolitane di gemellarsi con un Comune libico per avviare un’interlocuzione che passi dallo scambio di esperienze perché il governo dei territori si consolidi”. I punti del programma Municipalities aid prevedono: l’assistenza nella gestione amministrativa e dell’organizzazione finanziaria per migliorare i servizi alla popolazione e facilitare l’accesso ai servizi sanitari; la promozione del decentramento come elemento fondante del nuovo stato libico ovvero sostenendo la nascita di una associazione dei Comuni libici.




Invia questo articolo ad un amico  
Stampa questo articolo  
Condividi questo articolo su Twitter  
Condividi questo articolo su Facebook  
  • www.anci.it
    Testata giornalistica on line
    dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Direttore responsabile
    Danilo MORIERO
    Caposervizio
    Emiliano FALCONIO
    Vicecaposervizio
    Matteo VALERIO
    Redazione
    Federica DEMARIA
    Filippo LA PORTA
    Giuseppe PELLICANÒ

    Segretaria di Redazione
    Daniela ROTONI
    Web designer e Webmaster
    Francesco BOTTERI
    Editore
    Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Via dei Prefetti, 46 - 00186 Roma
    C.F. 80118510587
    redazionesito@anci.it
    Tel. 06/68009204 - Fax 06/68009216

    Iscrizione ROC: n. 17363 del 03.04.2003
    Provider: BT Italia, via Mario Bianchini, 15 - 00142 Roma
    Redazione e contatti
ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
Contatti: Tel. 06680091 - Fax 0668009202
Gestione tecnica a cura di Ancitel S.p.A