Piccoli Comuni - Massimo Castelli: “Bene Del Fante su uffici postali, si inverta trend chiusura su tutti i servizi essenziali”
[02-08-2018]

“L’impegno ribadito stamani dall’amministratore delegato di Poste ci rende ottimisti. Concretizza il primo effetto della legge Realacci sui piccoli Comuni, che poneva tra i suoi obiettivi il mantenimento degli uffici postali nei centri periferici”. Lo afferma il coordinatore dei piccoli Comuni dell’Anci, Massimo Castelli, commentando la dichiarazione di Matteo Del Fante che ha assicurato in conference call con gli analisti che Poste non chiuderà alcun ufficio nei Comuni con meno di 5mila abitanti. “Ringrazio l’ad di Poste italiane per la sua sensibilità, e spero – aggiunge il sindaco di Cerignale – si possa proseguire sulla strada del mantenimento di tutti gli altri servizi essenziali per contrastare lo spopolamento nei piccoli Comuni”.
Castelli ricorda come Anci, in tema di servizi e uffici postali, ha dato priorità all’azione per affrontare e risolvere le problematiche segnalate dalle comunità locali. Il tutto partendo dal “presupposto che il servizio postale, è un ‘presidio dello Stato’ sul territorio, ed assume un valore irrinunciabile specie nei piccoli Comuni”.
“Il fatto che un importante ente come Poste si ponga come obiettivo strategico di continuare a garantire i servizi anche nei piccoli centri può essere – sottolinea il coordinatore Anci – stimolo ad altri erogatori di servizi. Il mio augurio è che si vada verso una vera inversione di tendenza su tutti i servizi essenziali per i territori”.
Secondo Castelli, lo Stato “deve tornare ad investire su tutti i servizi, dagli ospedali, ai servizi sociali, alle scuole. Nei centri periferici i servizi non devono mancare e la loro erogazione, soprattutto, non può essere legata solo al numero degli abitanti”.
Lo stesso esponente Anci rimarca il valore della strategia condotta dall’Associazione che con “Poste è passata da un momento di grande criticità a questo risultato, anche grazie ad una politica di buoni rapporti, fatta di ascolto e di confronto per mezzo dell'apertura di tavoli di lavoro permanenti a livello nazionale e regionale sulle esigenze del territori”. Non a caso su forte pressione dell’Anci “anche nella legge di bilancio 2018 sono confluiti una serie di interventi volti a restituire appetibilità nella gestione del servizio di tesoreria”. Tra questi “va menzionato l’ingresso di Poste italiane nella gestione del servizio con l’ausilio finanziario di Cassa Depositi e Prestiti che provvederà alla erogazioni delle anticipazioni di tesoreria”, conclude Castelli. 



Invia questo articolo ad un amico  
Stampa questo articolo  
Condividi questo articolo su Twitter  
Condividi questo articolo su Facebook  
  • www.anci.it
    Testata giornalistica on line
    dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Direttore responsabile
    Danilo MORIERO
    Caposervizio
    Emiliano FALCONIO
    Caposervizio
    Matteo VALERIO
    Redazione
    Federica DEMARIA
    Filippo LA PORTA
    Giuseppe PELLICANÒ

    Segretaria di Redazione
    Daniela ROTONI
    Web designer e Webmaster
    Francesco BOTTERI
    Editore
    Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Via dei Prefetti, 46 - 00186 Roma
    C.F. 80118510587
    redazionesito@anci.it
    Tel. 06/68009204 - Fax 06/68009216

    Iscrizione ROC: n. 17363 del 03.04.2003
    Provider: BT Italia, via Mario Bianchini, 15 - 00142 Roma
    Redazione e contatti
ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
Contatti: Tel. 06680091 - Fax 0668009202
Gestione tecnica a cura di Ancitel S.p.A