Salute nelle città - Pella: "Italia protagonista di un modello di governance inclusivo e partecipativo"
[27-10-2017]

“I Comuni italiani, e in particolare le 14 Città metropolitane, rappresentano in questo momento un fondamentale banco di prova per lo studio e l’implementazione di un approccio integrato che tenga conto di tutti i fattori di rischio che incidono sulla salute e sul benessere dei cittadini, dai determinanti socio-economici a quelli ambientali o infrastrutturali. Basti pensare che, da qui al 2050, si stima che una persona su tre avrà il diabete, e pertanto la salute deve diventare una priorità dell’azione amministrativa dei sindaci per poter garantire città sane alle future generazioni”. Così il vicepresidente vicario dell’Anci, Roberto Pella che - in rappresentanza di Anci e Comitato delle Regioni - ha partecipato a Houston (Usa) al Cities changing diabetes summit 2017. Il summit si è svolto alla presenza delle 8 città coinvolte nel programma Cities changing diabetes: oltre a Houston, New Mexico, Vancouver, Copenhagen, Shanghai, Tianjin, Johannesburg e Roma.
“La condivisione e l’ampissimo coinvolgimento di partner all’interno del progetto, dal mondo accademico e della ricerca scientifica al mondo dello sport e della partecipazione attiva dei cittadini – ha detto Pella nel suo intervento - rappresentano la caratteristica distintiva ed esemplare del modello italiano di governance partecipativa qui a Houston, a testimonianza del valore aggiunto di una strategia inclusiva e coordinata, che responsabilizzi ciascuno nella definizione di politiche pubbliche per la salute nelle città”.
Sintetizzando i contenuti del parere d’iniziativa approvato a Bruxelles lo scorso maggio durante la seduta plenaria del Comitato delle Regioni, il vicario Anci ha ricordato che “la salute deve essere considerata un valore condiviso, un bene comune e affinché si possa contribuire alla costruzione di città più salutari e di sistemi di welfare più inclusivi ed equi, bisogna agire adesso in tutti gli ambiti, dalla pianificazione urbanistica alla mobilità, dall’ambiente all’attività fisica e alla sana alimentazione”.
E proprio questo è stato l’invito rivolto a tutti gli otto mila sindaci italiani attraverso la lettera aperta “Promuovere la salute nelle città come bene comune”, divulgata in occasione della recente assemblea nazionale dell’Anci a Vicenza e sottoscritta dai rappresentanti di Anci, Coni, Istituto superiore di sanità, Federsanità-Anci, CittadinanzAttiva e Rete delle città sane. 



Invia questo articolo ad un amico  
Stampa questo articolo  
Condividi questo articolo su Twitter  
Condividi questo articolo su Facebook  
  • www.anci.it
    Testata giornalistica on line
    dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Direttore responsabile
    Danilo MORIERO
    Caposervizio
    Emiliano FALCONIO
    Caposervizio
    Matteo VALERIO
    Redazione
    Federica DEMARIA
    Filippo LA PORTA
    Giuseppe PELLICANÒ

    Segretaria di Redazione
    Daniela ROTONI
    Web designer e Webmaster
    Francesco BOTTERI
    Editore
    Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Via dei Prefetti, 46 - 00186 Roma
    C.F. 80118510587
    redazionesito@anci.it
    Tel. 06/68009204 - Fax 06/68009216

    Iscrizione ROC: n. 17363 del 03.04.2003
    Provider: BT Italia, via Mario Bianchini, 15 - 00142 Roma
    Redazione e contatti
ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
Contatti: Tel. 06680091 - Fax 0668009202
Gestione tecnica a cura di Ancitel S.p.A