Immigrazione - Decaro: "Siamo umani e solidali, ma non stupidi. Italia non sia lasciata sola"
[09-09-2017]

"Il 6 luglio scorso al porto di Bari sono sbarcati 643 migranti. Tra loro c’era un bambino nato in mare qualche giorno prima. Faceva caldo e c’era un sole accecante, eppure quel bambino, tra le braccia di uno dei tanti volontari che gestivano l’accoglienza, ha aperto gli occhi ed è nato una seconda volta. È come se il nostro Paese lo avesse nuovamente partorito, salvandolo da un destino che sembrava segnato. Su questo ciascuno potrà pensarla come vuole, facendo i conti con la propria coscienza di uomo e di rappresentante delle istituzioni. Ma io, in quel momento, sono stato orgoglioso di rappresentare l’Italia: un Paese che genera vita e che non sbatte la porta in faccia a un bambino. Ma nello stesso tempo, da questo posto di frontiera, dobbiamo far giungere con forza la nostra voce fino a Bruxelles, per dire all’Europa: ‘ora basta’. Non si può approfittare per sempre della nostra umanità. Siamo di fronte a un fenomeno di portata globale ed epocale: è impensabile che sia lasciato interamente sulle spalle del nostro Paese. Ed è impensabile che, all’interno del nostro Paese, sia lasciato sulle spalle di alcuni sindaci di frontiera. È impensabile, ma soprattutto profondamente ingiusto. Per questo sono felice che la Corte Europea abbia respinto i ricorsi di Slovacchia e Ungheria contro il ricollocamento dei richiedenti asilo da Italia e Grecia. È un primo passo importante. Ora si proceda in tempi rapidi alla ‘relocation’ e si tolgano i fondi europei agli stati che non accettano migranti. Siamo umani e solidali, ma non siamo stupidi”.
Lo ha detto il sindaco di Bari e presidente dell'Anci, Antonio Decaro, alla cerimonia di inaugurazione della Fiera del Levante che si svolge alla presenza del presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni. 
 

 




Invia questo articolo ad un amico  
Stampa questo articolo  
Condividi questo articolo su Twitter  
Condividi questo articolo su Facebook  
  • www.anci.it
    Testata giornalistica on line
    dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Direttore responsabile
    Danilo MORIERO
    Caposervizio
    Emiliano FALCONIO
    Caposervizio
    Matteo VALERIO
    Redazione
    Federica DEMARIA
    Filippo LA PORTA
    Giuseppe PELLICANÒ

    Segretaria di Redazione
    Daniela ROTONI
    Web designer e Webmaster
    Francesco BOTTERI
    Editore
    Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Via dei Prefetti, 46 - 00186 Roma
    C.F. 80118510587
    redazionesito@anci.it
    Tel. 06/68009204 - Fax 06/68009216

    Iscrizione ROC: n. 17363 del 03.04.2003
    Provider: BT Italia, via Mario Bianchini, 15 - 00142 Roma
    Redazione e contatti
ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
Contatti: Tel. 06680091 - Fax 0668009202
Gestione tecnica a cura di Ancitel S.p.A