Enti locali - Decaro: "Aderiamo a mobilitazione Upi, difendiamo i diritti fondamentali dei cittadini"
[16-05-2017]

“Non si scherza con la sicurezza dei cittadini. Non si scherza con la tenuta degli edifici scolastici dove i nostri figli trascorrono gran parte delle loro giornate. Con la conversione della ‘manovrina’ è assolutamente necessario garantire a Province e Città metropolitane il ristoro almeno parziale dei tagli e quindi le risorse perché questi enti siano nelle condizioni di assicurare i servizi essenziali. Per sostenere questa battaglia saremo insieme all’Upi giovedì, al Teatro Quirino, per una giornata di mobilitazione che faccia sentire le nostre voci, di presidenti di Provincia e di sindaci metropolitani”. Lo annuncia il presidente dell’Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro.
“Abbiamo più volte sottolineato la necessità di fare un tagliando alla legge Delrio, soprattutto dopo il risultato del referendum costituzionale. Le Città metropolitane dovevano rappresentare la struttura portante del Paese, il motore dello sviluppo economico e sociale dell’economia nazionale e invece, a due anni dalla loro istituzione, non sono messe nelle condizioni di garantire la manutenzione ordinaria delle strade e delle scuole. Lo stesso vale per gli enti di area vasta, penalizzati da tagli pesantissimi in vista di una soppressione che invece l’esito del referendum ha neutralizzato. Ora Province e  Città metropolitane continuano ad avere la responsabilità di servizi essenziali come la manutenzione delle strade e degli edifici scolastici, l’illuminazione, la tutela dell’ambiente. Ma le relative risorse non ci sono”.
Decaro riepiloga le richieste già avanzate da Anci e Upi alle commissioni Bilancio di Camera e Senato durante l'audizione sul dl 50, la cosiddetta ‘manovrina’: la necessità di “scongiurare l’ipotesi di ulteriori spending review per gli enti locali, visto che solo ai Comuni, tra il 2010 ed il 2016, sono stati richiesti sacrifici per 11,3 miliardi", l'esigenza di risorse aggiuntive per le Città metropolitane pari a 80 milioni che corrispondono "alla dimensione dello squilibrio residuo di parte corrente del comparto", e la necessità di assicurare alle Province almeno 200 milioni.
"La verifica della legge Delrio - conclude Decaro - è necessaria anche alla luce della gestione impropria, da parte di Province e Città metropolitane, di funzioni di competenza delle Regioni. Il governo ha già dimostrato in altre occasioni di condividere con noi la consapevolezza dell’importanza delle aree vaste nel disegno di sviluppo del Paese. Ma il tempo ormai stringe inesorabilmente. E' il momento di garantire almeno le risorse necessarie per i servizi essenziali ai cittadini e chiudere definitivamente la fase dell'emergenza istituzionale e finanziaria che ci impedisce di guardare con fiducia al futuro, attraverso il confronto con il governo”. 



Invia questo articolo ad un amico  
Stampa questo articolo  
Condividi questo articolo su Twitter  
Condividi questo articolo su Facebook  
  • www.anci.it
    Testata giornalistica on line
    dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Direttore responsabile
    Danilo MORIERO
    Caposervizio
    Emiliano FALCONIO
    Caposervizio
    Matteo VALERIO
    Redazione
    Federica DEMARIA
    Filippo LA PORTA
    Giuseppe PELLICANÒ

    Segretaria di Redazione
    Daniela ROTONI
    Web designer e Webmaster
    Francesco BOTTERI
    Editore
    Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Via dei Prefetti, 46 - 00186 Roma
    C.F. 80118510587
    redazionesito@anci.it
    Tel. 06/68009204 - Fax 06/68009216

    Iscrizione ROC: n. 17363 del 03.04.2003
    Provider: BT Italia, via Mario Bianchini, 15 - 00142 Roma
    Redazione e contatti
ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
Contatti: Tel. 06680091 - Fax 0668009202
Gestione tecnica a cura di Ancitel S.p.A