Caterina Girasole
la parola ai sindaci
Foto del Sindaco della settimana
Caterina Girasole
Sindaco di Isola Capo Rizzuto
“Il mio paese mi ha dato l’onore di essere il primo cittadino ed io ne vado estremamente orgogliosa, Isola è un paese sofferente, che negli anni ha dimostrato di avere una palese difficoltà nel sapersi gestire ed amministrare, con il supporto di tutto abbiamo cambiato linea e la città è ripartita”
di Alessandro Malafronte
 
“La giunta da me diretta è stata sin dall’inizio in prima linea con la lotta alla criminalità organizzata e con l’utilizzo dei beni confiscati alla ‘ndrangheta. Stiamo attualmente operando per la costruzione di una cooperativa sociale che si occupi della gestione e dell’utilizzo dei beni confiscati. La nostra collaborazione con l’associazione “Libera nomi e numeri contro tutte le mafie” grazie alla scelta fatta con la prefettura di Crotone e con l’agenzia per la gestione dei beni confiscati è stata importantissima”. Caterina Girasole è il sindaco di Isola Capo Rizzuto, 47 anni, sposata, madre di due figlie, la Girasole è stata eletta sindaco nel 2008. “Il mio paese mi ha dato l’onore di essere il primo cittadino ed io ne vado estremamente orgogliosa” spiega il sindaco  che parla di Isola come di un “posto bellissimo”. “Madre natura qui non si è risparmiata, penso al mare cristallino, alle morbide colline assolate, agli spazi carichi di storia e di fascino”. Ma al contempo “Isola è anche un paese sofferente, che negli anni ha dimostrato di avere una palese difficoltà nel sapersi gestire ed amministrare, un paese dove anche le organizzazioni criminali hanno ostacolato lo sviluppo concreto ed armonico che il territorio poteva avere. Ma essendo ottimista e propositiva sono sicura che una crescita è possibile e la stessa, sin dal primo giorno in cui sono stata eletta, doveva essere l’obiettivo principale”. Il sindaco rimarca come sin dal suo insediamento “la cosa più preoccupante è stato constatare che non vi era mai stato, durante i periodi commissariali, alcun disegno progettuale”. “Tutto era stato fatto in emergenza, cercando di rispondere solo alle necessità imminenti, quelle quotidiane, non programmando lo sviluppo futuro”. Ed aggiunge: “Abbiamo dovuto completamente cambiare rotta, la macchina amministrativa andava rivista, ci siamo accorti che gli strumenti che i dipendenti avevano non erano assolutamente adeguati, i concorsi fermi da anni. Oggi posso dire che siamo ripartiti anche grazie all’informatizzazione dell’ente che sta ottimizzando i tempi e i modi di gestione”.
Il sindaco si è tenuta le deleghe riguardanti i servizi sociali, la sanità, l’istruzione e l’urbanistica: “Oggi il cittadino può rivolgersi ai servizi sociali sapendo di poter contare su un personale altamente qualificato, per questo settore nel 2008 avevamo 10mila euro previsti in bilancio, nel 2010 180mila, è questo un comparto perpetuamente attenzionato da parte nostra. Nel 2010 abbiamo inoltre constatato che sono in vorticoso aumento le famiglie in difficoltà, riusciamo ad ogni modo a dare risposte, nonostante la richiesta di lavoro sia straordinaria e la congiuntura economica regionale e nazionale sia la peggiore da decenni”.
La Girasole rimarca inoltre come “grazie all’utilizzo dei terreni confiscati stanno nascendo rapporti con altre province italiane e per Isola è questo un passaggio fondamentale perché significa normalità e miglioramento di immagine”. Insomma idee chiare e tanta trasparenza nel quotidiano. “Fin da subito ho fatto ben capire che al centro della mia azione politica ci fosse l’interesse generale, ho agito finora in questo modo e continuerò a farlo, mettendo i miei cittadini al centro della politica del Comune del quale ho l’onore di essere il primo cittadino”.
Invia questo articolo ad un amico  
Stampa questo articolo  
Condividi questo articolo su Twitter  
Condividi questo articolo su Facebook  
  • www.anci.it
    Testata giornalistica on line
    dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Direttore responsabile
    Danilo MORIERO
    Caposervizio
    Emiliano FALCONIO
    Redazione
    Federica DEMARIA
    Filippo LA PORTA
    Giuseppe PELLICANÒ

    Segretaria di Redazione
    Daniela ROTONI
    Web designer e Webmaster
    Francesco BOTTERI
    Editore
    Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Via dei Prefetti, 46 - 00186 Roma
    C.F. 80118510587
    sito@anci.it
    stampa@anci.it
    Tel. 06/68009204/231 - Fax 06/68009216

    Iscrizione ROC: n. 17363 del 03.04.2003
    Provider: BT Italia, via Mario Bianchini, 15 - 00142 Roma
    Redazione e contatti
ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
Contatti: Tel. 06680091 - Fax 0668009202
Gestione tecnica a cura di Ancitel S.p.A