Sei in: Homepage » Documentazione » Convenzioni
RC Auto - Convenzione ANCI-ANIA
[07-07-2005]

CONVENZIONE

PER L’UTILIZZO DEL SERVIZIO SIC (Sistema informativo Integrato Controlli veicoli) di ANIA RELATIVAMENTE ALLA FUNZIONE DI VERIFICA COPERTURA ASSICURATIVA DEI VEICOLI IMMATRICOLATI IN ITALIA

 

Tra

 

L’ANIA (Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici) con sede in Via della Frezza, 70 – 00186 ROMA

 

e

 

L’ANCI (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani) con sede in via dei Prefetti, 46 – 00186 ROMA

 

 

 

Con il patrocinio del

 

MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

 

 

 

Premesso che:

 

  1. ANIA è dotata di una banca dati delle targhe assicurate per la responsabilità civile da circolazione stradale e dei relativi attestati di rischio;

 

  1. ANIA ha realizzato un servizio denominato SIC - Sistema informativo Integrato Controlli veicoli - utilizzato dalle imprese assicuratrici per il controllo delle coperture assicurative e di altre informazioni relative ai veicoli assicurati, il cui utilizzo è obbligatorio per la liquidazione dei danni materiali e fisici nell’ambito della Convenzione Indennizzo Diretto (CID);

 

  1. su richiesta del Ministero dell’Interno, le informazioni fornite dal servizio SIC sono state messe a disposizione del Servizio Elaborazioni Dati del Ministero stesso, per consentire al Centro Interforze di effettuare direttamente la verifica delle suddette informazioni;

 

  1. nell’ambito del servizio SIC è stata realizzata una apposita funzione di interrogazione per targa per la verifica della copertura assicurativa via internet che è stata resa disponibile ai comandi regionali della Polizia Stradale, all’Arma dei Carabinieri e a 84 Comandi di Polizia municipale che ad oggi ne hanno fatto specifica richiesta;

 

5.      le informazioni fornite dal servizio SIC costituiscono uno strumento di lotta al fenomeno dell’inadempimento dell’obbligo assicurativo, alle frodi assicurative ed alle azioni dei “pirati della strada”, nonchè consentono di abbreviare i tempi per gli accertamenti delle Autorità impegnate nel controllo della circolazione stradale;

e

 

considerato che

 

Il Ministero delle Attività Produttive ha invitato l’ ANIA a mettere a disposizione gratuitamente ad ANCI la funzione di verifica della copertura assicurativa delle targhe assicurate per la responsabilità civile da circolazione stradale, sopra citata al punto 4, nell’intento di rendere disponibile il servizio al maggior numero di comuni italiani per le finalità di cui al precedente punto 5;

 

ANIA accoglie l’invito rivoltole dal Ministero delle Attività Produttive concedendo all’ANCI la possibilità di utilizzare la funzione del servizio SIC di interrogazione via internet ai fini di verifica della copertura assicurativa delle targhe assicurate per la responsabilità civile da circolazione stradale, rendendo a sua volta accessibile il servizio ai comandi di polizia dei comuni associati.

 

Si conviene e si stipula quanto segue:

 

Art. 1

Oggetto della Convenzione

 

ANIA concede ad ANCI il diritto di accesso a titolo gratuito al servizio SIC ed in particolare alla funzione di interrogazione per targa via internet che consente la visualizzazione delle seguenti informazioni, necessarie allo svolgimento di compiti di polizia giudiziaria o ad accertamenti effettuati con finalità di giustizia in esecuzione delle disposizioni legislative che regolano l’attività ed i poteri della dei corpi di Polizia Municipale:

 

­        posizione assicurativa per la responsabilità civile derivante dalla circolazione stradale (denominazione impresa assicuratrice, codice fiscale o partita IVA del contraente, data di decorrenza e di scadenza del contratto di assicurazione, data di scadenza della copertura assicurativa, tipologia di veicolo e formula tariffaria).

­        dati tecnici relativi all’ultima immatricolazione/omologazione necessari per verificare la corretta identificazione del veicolo (data emissione carta di circolazione, provincia di residenza del proprietario, numero di telaio e di omologazione, marca modello e dati tecnici del veicolo);

 


Art. 2

Definizione e abilitazione delle utenze

 

ANCI è autorizzata ad abilitare all’accesso al servizio SIC esclusivamente i Comandi delle Polizie Municipali dei propri Comuni associati attraverso ANCITEL, tecnostruttura di ANCI, previa richiesta ad ANIA delle nuove utenze che usufruiranno del servizio stesso.

A seguito di tale richiesta, ANIA predispone i codici identificativi e le parole chiave per l’accesso al servizio e li comunica ad ANCI.

ANCI associa i codici identificativi agli utenti (di norma una utenza per Comune) e li abilita per consentire l’accesso al servizio.

 

ANCI è responsabile del trattamento dei dati resi accessibili ad ogni singola utenza ai sensi della D.lgs. 196/2003, come specificato nell’apposito allegato 1, che costituisce parte integrante della presente Convenzione.

ANCI è altresì responsabile della gestione dei codici identificativi e delle parole chiave affidatele da ANIA.

Art. 3

Definizione, finalità e obblighi dell’utenza

 

L’utilizzo della funzione di verifica della copertura assicurativa delle targhe assicurate per la r.c.a. è consentito esclusivamente per lo svolgimento di compiti di polizia giudiziaria o di accertamenti effettuati con finalità di giustizia in esecuzione delle disposizioni legislative che regolano l’attività ed i poteri dei corpi di Polizia Municipale.

In ogni caso, ANIA non è in alcun modo responsabile dell’utilizzo improprio delle informazioni accessibili alle utenze abilitate al servizio.

ANCI ed ogni utente da essa abilitato si obbligano a non distribuire le informazioni ottenute a persone fisiche e/o giuridiche, né a pagamento né gratuitamente, e comunque a non compiere alcun atto di commercio di esse.

ANCI ed ogni utente da essa abilitato si obbligano altresì a non riprodurre su schede, nastri o altri supporti adatti all’elaborazione elettronica le informazioni ottenute.

La riproduzione di documenti desunti dall’utilizzo del servizio è consentita solo su espressa autorizzazione di ANIA.

 

Art. 4

Proprietà del Servizio

 

ANIA conserva la piena ed esclusiva proprietà delle informazioni memorizzate nelle basi dati e del sistema di accesso, ricerca e presentazione; mantiene l’esclusiva competenza di gestire, definire o modificare i sistemi di elaborazione, ricerca, rappresentazione ed organizzazione dei dati, potendone variare la base informativa in relazione alle proprie esigenze istituzionali, a quelle organizzative ed a quelle derivanti da innovazioni tecnologiche.

Nessuna responsabilità deriva ad ANIA per danni di qualsiasi natura, diretti ed indiretti, per le variazioni suddette, né per eventuali inesattezze o incompletezze dei dati contenuti nei data base, né per eventuali interruzioni tecniche o sospensioni del servizio.

Art. 5

Durata della Convenzione

 

La presente Convenzione ha durata quinquennale e si rinnova tacitamente salvo disdetta di una delle parti da comunicarsi con un preavviso di almeno tre mesi.

Art. 6

Limitazioni del servizio e controversie

 

L’ANIA può in qualunque momento revocare, sospendere o limitare la concessione all’accesso al servizio per motivate ragioni tecniche o per qualsiasi inadempienza degli obblighi previsti dalla presente convenzione.

 

Il Foro competente a risolvere qualsiasi controversia che possa sorgere tra ANIA ed ANCI è quello di Roma.

 

 

Roma, 7 luglio 2005

 

 

 

Ministero delle Attività Produttive

Sottosegretario di Stato

On. Mario Valducci

 

 

 

 

ANIA

(Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici)

Il Presidente

Fabio Cerchiai

 

ANCI

(Associazione Nazionale dei Comuni Italiani)

Il Presidente

Leonardo Domenici

 

 


 

Allegato 1

 

 

Modalità di utilizzo delle informazioni in conformità al D.Lgs. 196/2003

 

 

1.      Il Trattamento dei dati personali ricavati dalle funzioni messe a disposizione dal Servizio “SIC” rientra nell’ambito di applicazione della normativa sulla tutela dei dati personali, introdotta in Italia con la legge 31 dicembre 1996, n. 675, e ora recata dal decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito Codice).

 

Pertanto il trattamento dei dati personali deve avvenire nell’assoluto rispetto della citata normativa sulla riservatezza ed in specie delle disposizioni sulle misure di sicurezza, quantomeno quelle minime di cui all’allegato B del Codice, con specifico riguardo al documento programmatico sulla sicurezza (DPS).

 

2.      L’utilizzo per il quale è stata predisposta la funzione di interrogazione per l’ANCI e per le utenze da essa abilitate deve essere esclusivamente riservato allo svolgimento di compiti di polizia giudiziaria o ad accertamenti effettuati con finalità di giustizia in esecuzione delle disposizioni legislative che regolano l’attività ed i poteri della dei corpi di Polizia Municipale.

 

3.      Considerata la rispettiva autonomia tra l’ANIA, l’ANCI ed i Comuni ad essa associati e la conseguente indipendenza dei trattamenti di dati personali effettuati dai medesimi soggetti, tutti quindi operanti in veste di autonomi titolari, gli accessi alla banca dati sono da qualificare “comunicazioni” ai sensi dell’art.4, coma 1, lett. 1), del Codice.

 

4.      Sulla base di tali premesse ANIA provvederà a trasmettere ad ANCI i codici identificativi personali e le parole chiave ad essi associate, relativi alle utenze richieste.

 

I suddetti codici devono essere assegnati e consegnati esclusivamente a persone operanti nella specifica struttura a ciò deputata dall’ANCI o dal Comune richiedente suo associato, singolarmente individuate, nominativo e qualifica delle quali dovranno essere iscritti nel registro dei codici identificativi e comunicati alla Segreteria dei Servizi Informatici e Organizzazione di ANIA: in tal modo le suddette persone risulteranno autorizzate all’accesso alla banca dati ai sensi dell’allegato B del Codice, e conseguentemente l’utilizzo di ciascun codice identificativo sarà consentito alla sola persona alla quale lo stesso sia stato  consegnato.

 

In conformità della impostazione del programma della banca dati, il sistema impone l’autonoma sostituzione della parola chiave in occasione del primo accesso e successivamente, ogni 60 giorni.

 

Qualora il codice identificativo o la nuova parola chiave siano persi o sottratti o restino inutilizzati per un periodo superiore a 6 mesi, oppure qualora la persona assegnataria perda la qualità per la quale il codice identificativo le era stato assegnato, ANCI dovrà provvedere immediatamente alla sua disabilitazione e a darne tempestiva comunicazione alla Segreteria dei Servizi Informatici e Organizzazione dell’ANIA.

 

5.      Le autorizzazioni all’accesso di cui al punto 4 sono in ogni caso limitate ai soli dati la cui conoscenza sia strettamente necessaria e sufficiente per le operazioni di trattamento da effettuare nei singoli casi di accesso.

 

Non è ammessa l’utilizzazione di un medesimo codice identificativo personale per accedere contemporaneamente alla banca dati da diverse stazioni di lavoro.

 

Gli oneri (istruzioni, formazione ecc.) che la normativa impone ai titolari di trattamento di dati personali nei confronti dei propri incaricati sono a carico di ANCI, nel caso di utilizzo diretto della funzione di accesso alla banca dati o dei Comuni utenti nel caso in cui siano stati abilitati a tale funzione.

 

6.      Per quanto non è trattato nel presente allegato, si rinvia alla citata normativa sulla tutela dei dati personali nel suo complesso.

 

Le indicazioni sopra riportate sono esclusivamente funzionali alla corretta gestione della banca dati SIC e pertanto sono suscettibili di ogni opportuno aggiornamento.

 

Eventuali situazioni anomale riscontrate nell’utilizzo del servizio SIC potranno essere segnalate da ANCI/ANCITEL ad ANIA via e-mail all’indirizzo “ Sic-Anci@ania.it ” oppure contattando il servizio “Sportello Auto” (tel. 02.7764.444), o la Segreteria dei Servizi Informatici e Organizzazione dell’ANIA (tel. 02.7764.405) per problematiche di natura tecnica.

 

 




Invia questo articolo ad un amico 
Stampa questo articolo  
Condividi questo articolo su Facebook 
Condividi questo articolo su Twitter
  • Dipartimento sito
    pubblicazioni e prodotti editoriali

    Redazione
    Danilo MORIERO Direttore
    Emiliano FALCONIO Caposervizio
    Federica DEMARIA Redattore
    Giuseppe PELLICANÒ Redattore
    Daniela ROTONI Segretaria di redazione
    Francesco BOTTERI Web designer e webmaster

    Tel 06/68009204 - fax 06/68009216
    redazionerivista@anci.it
    Redazione e contatti
ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
Contatti: Tel. 06680091 - Fax 0668009202
Gestione tecnica a cura di Ancitel S.p.A