MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI – IL PRIMO RAPPORTO ANCI 2005/2006
[10-10-2006]

Sono 5663 i minori stranieri non accompagnati che nel 2002 sono stati presi in carico in 346 Comuni italiani, mentre sono 6455 i minori presi in carico nel 2003. Il fenomeno è presente soprattutto nelle città metropolitane e nelle città medie, confermato dal 58% dei Comuni con popolazione superiore ai 15mla abitanti. Le cifre sono contenute nel primo Rapporto ANCI sui Minori stranieri non accompagnati che è stato presentato oggi in una conferenza stampa alla quale hanno preso parte il Vice Presidente ANCI con delega all’Immigrazione, Fabio Sturani, il Ministro della Solidarietà sociale, Paolo Ferrero, il Sottosegretario al Ministero dell’Interno Marcella Lucidi e il Presidente UNICEF Italia Antonio Sclavi. Quella presentata oggi è una prima analisi sui minori stranieri non accompagnati e l’ANCI ha assicurato che intende pubblicare il proprio Rapporto sui minori ogni due anni. La risposta dei Comuni è stata positiva: sono stati 2396 i questionari restituiti (il 30% dell’intero universo) rappresentativi del 60% dei Comuni italiani con più di 15mila abitanti e il 27% dei Comuni sotto i 15mila. Dall’analisi emerge che il Lazio, il Friuli Venezia Giulia, l’Emilia Romagna e la Lombarda sono le regioni che segnalano il più alto numero di minori presi in carico. Ed ora qualche cifra. Nel 2002 i minori assistiti dai Comuni per più di un mese è stato pari al 39%, percentuale che è salita al 41% nel 2003. I minori presi in carico che si sono resi irreperibili nel 2003 rappresentano il 49% sul totale di coloro che sono stati accolti. I minori in possesso di permesso di soggiorno per minore età rappresentano il 3% del totale, quelli con un permesso di soggiorno per affidamento il 14%, mentre i rimanenti 3437 minori presi in carico, pari al 53% del totale, non risultano in possesso di nessuna tipologia di permesso. I minori accolti provengo prevalentemente dalla Romania (47%) dall’Albania (23%) e dal Marocco (19%). Queste tre cittadinanze sommate tra loro rappresentano nel 2003 quasi la totalità, ovvero l’89% del fenomeno. Nella seconda parte del Rapporto ANCI, invece, sono riportati gli atti del seminario organizzato dall’Associazione nell’autunno scorso con l’obiettivo di avviare per la prima volta un confronto pubblico tra i rappresentanti di gran parte delle istituzioni internazionali, nazionali e locali maggioramene coinvolte nel fenomeno, i Ministeri del Welfare, dell’Interno e della Giustizia, le Regioni, i tribunali minori e l’UNICEF.


Invia questo articolo ad un amico  
Stampa questo articolo  
Condividi questo articolo su Twitter  
Condividi questo articolo su Facebook  
  • www.anci.it
    Testata giornalistica on line
    dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Direttore responsabile
    Danilo MORIERO
    Caposervizio
    Emiliano FALCONIO
    Caposervizio
    Matteo VALERIO
    Redazione
    Federica DEMARIA
    Filippo LA PORTA
    Giuseppe PELLICANÒ

    Segretaria di Redazione
    Daniela ROTONI
    Web designer e Webmaster
    Francesco BOTTERI
    Editore
    Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Via dei Prefetti, 46 - 00186 Roma
    C.F. 80118510587
    redazionesito@anci.it
    Tel. 06/68009204 - Fax 06/68009216

    Iscrizione ROC: n. 17363 del 03.04.2003
    Provider: BT Italia, via Mario Bianchini, 15 - 00142 Roma
    Redazione e contatti
ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
Contatti: Tel. 06680091 - Fax 0668009202
Gestione tecnica a cura di Ancitel S.p.A