Mobilità sostenibile - Stati generali della bicicletta. Delrio: “Serve un cambiamento radicale sul piano educativo, sociale e politico”
[05-10-2012]
“Le assicurazioni devono coprire anche i percorsi casa-lavoro in bicicletta. Fondamentali per la sicurezza nei centri urbani le Zone 30 e la rete delle ciclabili”

“L’innovazione e la qualità, le modifiche ai comportamenti di vita, nascono dalle città, nascono dal basso. Siamo qui, come Anci, non tanto per un atteggiamento rivendicativo verso il governo, che pure è in grave ritardo su questi argomenti, ma per dire che ci assumiamo oggi un impegno con questi primi Stati generali: promuovere con tutte le nostre energie, con le forze a nostra disposizione, una diversa cultura nel Paese”. Vale a dire “far entrare l’Italia in Europa non solamente rispettando i parametri di Maastricht, come il rapporto deficit-Pil, ma anche e soprattutto con quei comportamenti che in Europa sono già realtà”.
Così il Presidente Anci, Graziano Delrio dal Centro internazionale Loris Malaguzzi di Reggio Emilia dove si sono aperti gli Stati generali della Bicicletta e della Mobilità nuova, prima iniziativa nazionale sul tema che ha l’obiettivo di produrre proposte sostenibili, innovative e intelligenti sulla mobilità urbana, a cominciare dalla bicicletta e dai servizi per promuoverne e svilupparne l’uso.
“Gli Stati generali della bicicletta – ha detto - devono essere un grande laboratorio virale di contaminazione di buone pratiche e di contaminazione culturale. Vogliamo – ha auspicato il sindaco - che da questi Stati generali escano indicazioni concrete per un cambiamento radicale, sociale, culturale, politico nel nostro approccio verso la Mobilità nuova e anche verso un diverso consumo dell’energia. Un cambiamento che stia su diversi piani: sul piano normativo riguardante la sicurezza stradale; organizzativo per la pianificazione della mobilità urbana; della governance per far interagire i diversi attori, elemento fondamentale per portare a buon frutto, mettere insieme queste energie e incanalare in maniera unitaria il protagonismo ‘dal basso’ e l’impegno dei cittadini”.
A proposito della sicurezza stradale il Presidente dell'Anci ha aggiunto: “ancora troppe persone rischiano la vita nei percorsi casa-lavoro perché usano mezzi sostenibili, ancora troppi utenti deboli, bambini e anziani, rischiano sugli attraversamenti pedonali. Un Paese civile deve porsi l’obiettivo di ridurre la mortalità dell’utenza debole con dei piani prefissati, degli investimenti e un monitoraggio serio su chi attua le politiche e chi non le attua, vogliamo che questo Paese cambi radicalmente strada”. E ha auspicato: “con azioni forti e simboliche possiamo fare molto. Queste giornate rappresentano già di per sé un messaggio chiaro al Paese: nelle città piccole dobbiamo osare di più, ma anche chiedere di più alle città grandi. Una migliore qualità di vita, una migliore capacità di impossessarci del nostro tempo e della nostra comunità - ha concluso Delrio - arriverà proprio dalla promozione della bicicletta”. (fr)
 



Invia questo articolo ad un amico  
Stampa questo articolo  
Condividi questo articolo su Twitter  
Condividi questo articolo su Facebook  
  • www.anci.it
    Testata giornalistica on line
    dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Direttore responsabile
    Danilo MORIERO
    Caposervizio
    Emiliano FALCONIO
    Caposervizio
    Matteo VALERIO
    Redazione
    Federica DEMARIA
    Filippo LA PORTA
    Giuseppe PELLICANÒ

    Segretaria di Redazione
    Daniela ROTONI
    Web designer e Webmaster
    Francesco BOTTERI
    Editore
    Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Via dei Prefetti, 46 - 00186 Roma
    C.F. 80118510587
    redazionesito@anci.it
    Tel. 06/68009204 - Fax 06/68009216

    Iscrizione ROC: n. 17363 del 03.04.2003
    Provider: BT Italia, via Mario Bianchini, 15 - 00142 Roma
    Redazione e contatti
ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
Contatti: Tel. 06680091 - Fax 0668009202
Gestione tecnica a cura di Ancitel S.p.A