Sei in: Homepage » Unioni di Comuni » Notizie
Unione - Olivieri (Cons. piccoli Comuni Liguria): “Non siamo più il fanalino di coda. Ora servono sostegno e finanziamenti adeguati”
[03-05-2011]
Parole del coordinatore Antonio Olivieri all’indomani dell’insediamento della prima Unione di Comuni della Liguria

“Un risultato importante, finalmente la Liguria non è più il fanalino di coda delle Unioni di Comuni”.

Parole di Antonino Olivieri, coordinatore Consulta regionale Anci piccoli Comuni Liguria, all’indomani dell’insediamento della prima Unione di Comuni liguri.    

Battezzata Unione di Comuni Stura, Orba e Leira, la “neonata” Unione comprende cinque Comuni, Campo Ligure, Masone, Rossiglione, Mele e Tiglieto, per un totale di circa 13mila abitanti. L’insediamento è avvenuto in una fase abbastanza delicata: dopo che il primo maggio, con legge regionale, è stata decisa la soppressione delle comunità montane, lo scenario per i Comuni era destinato a cambiare. Proprio per garantire quelle funzioni e servizi offerti dalle comunità montane, (polizia, rifiuti e attività di tipo sociale), i Comuni sono stati chiamati a trovare soluzioni con formule associative attraverso l’Unione dei Comuni. “La soppressione delle Comunità montane – chiarisce Olivieri - ha imposto ai Comuni di adottare soluzioni che consentissero loro di associarsi, e hanno risposto scegliendo un modello che fosse strutturato ma anche ambizioso da realizzare, in grado comunque di offrire maggiori garanzie di stabilità e continuità.   

I Comuni che hanno dato vita all’Unione – spiega Olivieri, che è consigliere del Comune di Campo Ligure, uno dei cinque dell’Unione di Comuni Stura, Orba e Leira – in passato avevano maturato una forte capacità di associare servizi e funzioni attraverso la comunità montana, questa consuetudine ad affrontare i problemi in maniera unitaria ha dunque facilitato il percorso”. Ma quale l’obiettivo dell’Unione? “Le parole d’ordine restano sempre quelle di razionalizzazione e risparmio – commenta il coordinatore -. E aggiunge: “ci troviamo di fronte ad un processo di cambiamento importante – conclude – che richiede però un sostegno e finanziamenti adeguati”. (fr)   




Invia questo articolo ad un amico  
Stampa questo articolo  
Condividi questo articolo su Twitter  
Condividi questo articolo su Facebook  
  • www.anci.it
    Testata giornalistica on line
    dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Direttore responsabile
    Danilo MORIERO
    Caposervizio
    Emiliano FALCONIO
    Vicecaposervizio
    Matteo VALERIO
    Redazione
    Federica DEMARIA
    Filippo LA PORTA
    Giuseppe PELLICANÒ

    Segretaria di Redazione
    Daniela ROTONI
    Web designer e Webmaster
    Francesco BOTTERI
    Editore
    Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Via dei Prefetti, 46 - 00186 Roma
    C.F. 80118510587
    redazionesito@anci.it
    Tel. 06/68009204 - Fax 06/68009216

    Iscrizione ROC: n. 17363 del 03.04.2003
    Provider: BT Italia, via Mario Bianchini, 15 - 00142 Roma
    Redazione e contatti
ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
Contatti: Tel. 06680091 - Fax 0668009202
Gestione tecnica a cura di Ancitel S.p.A