Terremoto L'Aquila

Il sindaco Biondi: “Grazie ad Anci, ai sindaci e ai cittadini per la partecipazione al ricordo”

Pubblichiamo la lettera di ringraziamento del sindaco de L’Aquila, Pierluigi Biondi per l’adesione all’appello, di sindaci e cittadini, ad accendere una luce, in municipio e nelle case, in occasione dell’undicesimo anniversario del terremoto che nella notte tra il 5 e il 6 aprile del 2009 distrusse L’Aquila e colpì duramente molti Comuni limitrofi.

Straordinaria e commovente. Non potrei definire in altro modo la solidarietà manifestata in tutta Italia all’appello che avevo lanciato, quello di accendere una luce la notte appena trascorsa per ricordare tutti insieme l’undicesimo anno del sisma che devastò L’Aquila e un circondario molto ampio.
Comuni, Istituzioni, Enti, cittadini da tutta Italia: messaggi di sostegno che ci hanno davvero fatto sentire la vicinanza del Paese. Una vicinanza che, lo ricordo, il Comune dell’Aquila aveva chiesto sì per le vittime di quella terribile tragedia, ma anche per ricordare allo stesso tempo coloro che hanno perso la vita in questo altrettanto terribile periodo di contagio del coronavirus, nonché per essere a fianco delle loro famiglie.
Rivolgo dunque un ringraziamento, dal profondo del cuore, a tutti quelli che hanno inteso e raccogliere il mio appello. Al sindaco di Bari, Antonio Decaro, presidente dell’Anci e a tutta l’Associazione nazionale dei comuni italiani, che si è schierata decisamente a fianco dell’iniziativa aquilana, così come al presidente dell’Anci Abruzzo, il sindaco di Teramo Gianguido D’Alberto, ai Sindaci degli altri capoluoghi, Umberto Di Primio e Carlo Masci, e delle altre città della nostra terra comune d’Abruzzo, ai Presidenti di Senato e Camera. Elisabetta Casellati e Roberto Fico, al ministero per il Sud e la Coesione territoriale, Giuseppe Provenzano, al sottosegretario alla Difesa, Angelo Tofalo, ai Parlamentari, al Viminale, all’attuale capo della Protezione civile nazionale, Angelo Borrelli, all’ex massimo dirigente di questo dipartimento, Guido Bertolaso, al Presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, alla Struttura Tecnica di Missione per bocca del suo coordinatore, Fabrizio Curcio, amico della città dai tempi del terremoto, così come è da sempre amico dell’Aquila il già sottosegretario Gianni Letta, al Governatore della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ai sindaci di Roma, Virginia Raggi, di Lecco, Virginio Brivio, di Terni, Leonardo Latini, di Venezia, Luigi Brugnaro, di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, di Ascoli Piceno, Marco Fioravanti, e Latina, Damiano Coletta, solo per citare le Municipalità più grandi al di fuori della Regione.
L’elenco di città e istituzioni (tra cui la Regione Abruzzo, per bocca del Governatore Marco Marsilio e del Presidente del Consiglio regionale, Lorenzo Sospiri, e le province abruzzesi) che hanno tangibilmente raccolto l’appello è lungo, ma lo riporto lo stesso in allegato (chiedendo venia fin d’ora se manca qualcuno, lo aggiungeremo), perché il grazie degli Aquilani per il senso di solidarietà manifestato per tutti coloro che hanno pagato e stanno pagando la furia della natura sia imperituro. 

Articolo presente in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *